Coronavirus, lunedì si decidono le sorti della Lombardia: lo spettro del lockdown

Il presidente lombardo incontrerà Anci ed i sindaci dei capoluoghi di provincia per fare il punto della situazione «sulla base di un ‘pacchetto’ di dati che può essere un indicatore ‘credibile’ per capire come evolve il quadro sanitario ed epidemiologico»

Sta cambiando rapidamente la situazione sul fronte coronavirus in Lombardia. Nell'ultimo mese c'è stata una vera e propria esplosione di casi in tutta la Regione, ma soprattutto a Milano. E il contesto si è particolarmente aggravato negli ultimi dieci giorni, come dimostrano i numeri: lunedì 19 ottobre a fronte di 14.577 tamponi erano state trovate 1.687 persone positive al virus, giovedì 29 ottobre (a fronte di 42.684 tamponi) sono risultate positive all'agente patogeno altre 7.339 persone. Ma non aumentano solo i casi, aumentano anche i pazienti negli ospedali che sono sempre più sotto stress: secondo l'ultimo report della Regione ci sono 3.355 pazienti ricoverati nei reparti covid e 345 in terapia intensiva.

Per il momento la parola lockdown è un tabù e non c'è nessuna stretta all'orizzonte, ma forse qualcosa potrebbe cambiare nei prossimi giorni. «In attesa dei dati di oggi, ho aggiornato assessori e sottosegretari su quella che è l’evoluzione della curva epidemiologica nelle singole province della Lombardia — ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, al termine della riunione di Giunta nella mattinata di venerdì 30 ottobre —. Ho fatto loro presente che è necessario attendere ancora qualche giorno per capire se le restrizioni previste dal Dpcm, sommate a quelle che riguardano specificatamente la nostra regione, si sono rivelate utili per il contenimento del virus».

«Un principio — ha aggiunto il governatore Fontana — che vale anche per una condivisione della situazione con l’Anci e con i sindaci dei capoluoghi di Provincia ai quali ho dato appuntamento per lunedì. Con loro faremo il punto della situazione sulla base di un ‘pacchetto’ di dati che, secondo quanto ci dicono i nostri esperti, può essere un indicatore ‘credibile’ per capire come evolve il quadro sanitario ed epidemiologico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Nonna Maria, la valtellinese di ferro: a 101 anni ha sconfitto due volte il covid (e la Spagnola)

Torna su
SondrioToday è in caricamento