Fontana contro il Dpcm: «Dubbi su chiusure di chi ha fatto sforzi per adeguarsi alle regole anti-covid»

Il presidente lombardo su Facebook: «Seri dubbi verso le chiusure di teatri, cinema, bar, palestre e piscine»

Attilio Fontana, presidente di regione Lombardia, scende in campo al fianco dei tanti imprenditori che si sono sentiti traditi dall'ultimo Dpcm anti coronavirus del governo che ha chiuso i loro locali dopo che loro stessi avevano affrontato tante spese per adeguarli alle nuove prescrizioni. 

«Continuo a ritenere l'ordinanza di Regione Lombardia, seppur rigorosa, molto equilibrata nella ricerca di tutele per quegli imprenditori che avevano fatto ogni sforzo per rendere le proprie attività sicure e compatibili con le regole anti Covid», ha scritto lunedì sera il numero del Pirellone su Facebook, proprio nella serata in cui in città è esplosa la rabbia contro le misure dell'esecutivo con un corteo improvvisato che è arrivato fino in regione dopo scene di guerriglia urbana. 

«Per questo motivo ho rappresentato, sia nella sede della Conferenza delle Regioni, sia nel confronto con il Governo seri dubbi verso le chiusure di teatri e cinema, bar e ristoranti, palestre e piscine contenuti nel dpcm. Mi sento, quindi, impegnato ora a pressare il Governo per rendere immediati i ristori per queste categorie annunciati domenica dal Presidente Conte. E mi sento anche impegnato, insieme alla mia Giunta, a ricercare ogni modalità utile ad integrare quelle risorse», ha continuato. 

«Non è il momento di fare polemiche né, tantomeno, di allentare la nostra determinazione nella lotta al virus. Oggi si tratta di fare scelte efficaci e comprensibili per i cittadini, in uno spirito di collaborazione istituzionale fra i diversi livelli di governo dei territori, abbandonando convenienze di parte - ha rimarcato Fontana -. L'unica bussola da seguire deve essere quella della salute dei cittadini e della tenuta della vita economica e sociale delle nostre comunità. Ogni scelta che non tenesse conto di queste priorità - ha concluso il presidente lombardo - potrà offrire magari un premio effimero sui media ma nessun reale vantaggio per i nostri concittadini». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Fontana: «Con questi numeri la Lombardia sarà zona gialla dall'11 dicembre»

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Piantedo, giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

Torna su
SondrioToday è in caricamento