Coronavirus oltre oceano, l’esperienza di un religioso valtellinese a Boston

Don Michele Benetti sta lavorando come cappellano in alcuni ospedali della città di Boston

Don Michele Benetti

Don Michele Benetti, della Fraternità Sacerdotale dei Missionari di San Carlo Borromeo, attraverso un podcast pubblicato sul sito della Fraternità ci racconta la sua esperienza a Boston in questi drammatici giorni. Don Michele sta infatti lavorando come cappellano in alcuni ospedali della città.

«Qui in America - racconta Don Michele - la situazione del virus è scoppiata un po’ più tardi che in Italia e da subito ho avuto nel cuore il desiderio di poter stare negli ospedali e ho pregato molto per questo mio desiderio, ho fatto delle domande alle diocesi ma sembrava che gli ospedali non volessero far entrare nessuno nei reparti. Poi un giorno all’improvviso il cardinal O’ Malley ha chiesto ai preti giovani, sotto i 45 anni, la disponibilità di voler far parte di un team che potesse entrare nei reparti degli ospedali. Ho quindi lasciato la casa della Fraternità».

Così inizia la missione da cappellano di Don Michele Benetti

«All’inizio abbiamo trovato qualche resistenza perché la nostra presenza era vissuta come un potenziale rischio. Quello che mi colpisce in questo momento - spiega - è che sulla questione dei sacramenti siamo di fronte ad un vero e proprio crocevia, vedo, cioè, due alternative che diventano sempre più nette. O la gente ti riceve consapevole dell’enorme bisogno che c’è per tutte quelle persone spesso lasciate a morire da sole nelle camere, oppure, come inebriati dal potere che questa nuova situazione sta generando, da questo desiderio di salvare tutti, si scagliano contro la presenza dei preti e dei sacramenti. Questo mi ha molto colpito. Ho sperimentato che c’è fame e sete di Cristo in questo momento, un desiderio più forte che mai».

Don Michele racconta nel podcast della messa officiata in un ospedale e del chierichetto di fortuna, un medico non cattolico, o di come un’infermiera gli abbia confidato quanto le manchi Dio in questi drammatici giorni o ancora di quante persone, ricoverate e non, abbiano deciso di prendere la comunione.

 Per ascoltare il podcast completo: https://antivirus.sancarlo.org/15-2/

Chi è don Michele Benetti?

Ordinato sacerdore il 18 giugno 2014, Don Michele Benetti ha officiato la sua prima messa in Collegiata a Sondrio il 29 giugno. Don Michele, laureato in Fisica, da anni vive negli Stati Uniti d’America dove insegna Fisica e Teologia presso la Bishop O’Connell High School ad Arlington.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento