Coronavirus, all'ospedale di Sondalo 13 decessi nelle ultime 72 ore

Le persone dimesse sono state 24. I dati ufficiali dell'ASST Valtellina e Alto Lario

Negli ultimi tre giorni le persone malate di coronavirus ricoverate all'ospedale Morelli di Sondalo sono aumentate di 25 unità. Secondo i dati forniti dall'ASST Valtellina e Alto Lario, infatti, i pazienti ricoverati attualmente sono 164, di cui 111 uomini e 53 donne (venerdì 20 marzo erano 139). Dall'inizio dell'emergenza covid-19 al Morelli sono transitati 259 contagiati.

Tutti i pazienti, in larga maggioranza residenti in provincia di Sondrio, sono ricoverati nei padiglioni 1 e 4, mentre è in corso l'allestimento degli spazi nei due piani del padiglione 6 per accogliere le persone senza più sintomi ma ancora positivi che non hanno la possibilità di trascorrere il periodo di quarantena a casa propria.

A tal proposito nelle ultime 72 ore le persone dimesse sono state 24 (55 in totale dal 2 marzo scorso, di cui 28 uomini e 27 donne) mentre le persone che hanno perso la vita presso il nosocomio sondalino lungo il fine settimana sono state 13 (38 in totale dal 2 marzo scorso, di cui 31 uomini e 7 donne).

Le persone ricoverate in rianimazione, presso il reparto di terapia intensiva dove ad oggi vi sono 22 letti posti disponibili, sono 20 (di cui 16 uomini e 4 donne) a differenza di venerdì scorso quando erano 18.

Presso il Morelli i tamponi eseguiti sono 551 (di cui 267 positivi e 262 negativi oltre che 22 in attesa di esito).

Sanitari dalla Russia 

Per il tardo pomeriggio o la serata di lunedì 23 marzo 2020 è atteso l'arrivo a Sondalo di una sessantina fra medici e infermieri russi che affiancheranno i colleghi italiani impegnati nella cura dei pazienti covid 19.

«Siamo grati alla Regione Lombardia che ha destinato medici e infermieri russi al nostro ospedale e alla Protezione civile regionale che li coordina - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -: i pazienti aumentano e al nostro personale viene richiesto un impegno straordinario, abbiamo bisogno di rinforzi. Il lavoro da svolgere cresce di giorno in giorno e l'apporto dei medici e degli infermieri russi sarà fondamentale per organizzare nel migliore dei modi la cura e l'assistenza dei malati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Nonna Maria, la valtellinese di ferro: a 101 anni ha sconfitto due volte il covid (e la Spagnola)

Torna su
SondrioToday è in caricamento