Coronavirus, ancora 3 decessi e 5 ricoveri nelle ultime 72 ore al Morelli di Sondalo

La bella notizia arriva dalla terapia intensiva: per la prima volta dall'inizio dell'emergenza non vi sono pazienti ricoverati

Negli ultimi tre giorni al Morelli ospedale covid-19 si sono registrati purtroppo tre decessi, due donne e un uomo, e altre cinque persone, quattro donne e un uomo, sono state ricoverate. Un bilancio negativo a conferma di un'emergenza sanitaria lontana dall'essere superata, nonostante la riapertura di quasi tutte le attività. C'è la buona notizia di ulteriori otto dimissioni che fa scendere a 100 il totale dei pazienti ricoverati, 61 donne e 39 uomini, mentre da sabato scorso nessuno dei posti letto della terapia intensiva risulta occupato, non era mai accaduto.

I decessi salgono a 151, sempre con una prevalenza di uomini rispetto alle donne, 109 contro 42. La pressione sulle strutture sanitarie e sul personale medico e infermieristico scende progressivamente: lunedì scorso risultavano ricoverati 111 pazienti, oggi sono 100, mentre due settimane fa erano 124. Il totale dal 2 marzo è di 672 malati covid-19 ricoverati al Morelli.

Per quanto riguarda i tamponi, che hanno superato i 5900, negli ultimi tre giorni si registrano 43 esiti positivi, 30 donne e 13 uomini, nei quali sono compresi sia nuovi casi positivi che altri già noti sottoposti a controllo. Questa è la situazione aggiornata a stamattina alle 10 al Morelli nel giorno della riapertura di negozi, bar, ristoranti e servizi alla persona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Saporito

«Siamo tutti felici che il periodo di chiusura delle attività sia finito - dichiara il direttore generale Tommaso Saporito -, ma questo non significa che l'emergenza sanitaria sia superata, anzi, la circolazione delle persone ci obbliga a una maggiore responsabilità, verso noi stessi e gli altri. Questa è una fase particolarmente delicata che ci deve vedere impegnati ad adottare tutte le precauzioni, a cominciare da mascherina e distanziamento sociale. Il coronavirus gira ancora e rimane molto contagioso quindi l'obbligo per tutti è di prestare grande attenzione alle attività e agli spostamenti, controllando scrupolosamente i propri comportamenti, come è stato fatto negli ultimi due mesi. I dati relativi a ricoveri e contagi sono in progressivo miglioramento e confidiamo che tutto proceda per il meglio anche nelle prossime settimane».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Lombardia in arrivo più restrizioni: stop a sport amatoriali e lezioni a distanza alle superiori

  • Coronavirus, focolaio tra medici ed infermieri del Morelli di Sondalo dopo una festa tra colleghi

  • Incidente mortale in Val Grosina, cade nel dirupo con il trattore: morto 53enne

  • Coronavirus, l'allarme dei medici e infermieri: «Se arriva la seconda ondata, la Lombardia non è pronta»

  • Coronavirus, ecco la nuova ordinanza di Regione Lombardia: più limitazioni per i bar e stop allo sport di contatto

  • Maxi truffa da 100mila euro, nei guai azienda agricola del Sondriese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento