Coronavirus e "zona rossa", Scaramellini: «Abbiamo una missione da compiere: sconfiggere la pandemia»

Il sindaco di Sondrio ha criticato la scelta del Governo di inserire la Lombardia in zona rossa, invitando comunque i suoi concittadini al rispetto delle regole

«Quelli che stiamo vivendo - ha dichiarato Marco Scaramellini, sindaco di Sondrio - sono giorni difficili. Alla preoccupazione per la diffusione del coronavirus e per l'aumento dei malati si unisce il disagio causato dalle restrizioni a cui siamo sottoposti. Non sarà piacevole rivivere l'esperienza della primavera scorsa, ciascuno di noi dovrà rinunciare alle proprie abitudini, per molti ci saranno conseguenze dal punto di vista economico».

«Questo - prosegue il primo cittadino del capoluogo - è il momento della solidarietà: guardare agli altri prima che a noi stessi farà emergere quel senso di comunità che ci renderà più forti. Dobbiamo essere ancora più determinati nel rispettare le regole perché abbiamo davanti un lungo inverno: è fondamentale contenere il contagio e fermare i ricoveri nelle strutture sanitarie. Deve essere chiaro che non abbiamo alternative a un comportamento rigoroso e non possiamo permetterci di sottovalutare la situazione. Quindi usciamo soltanto se necessario e adottando tutte le misure di sicurezza a protezione di noi stessi, delle persone che ci sono care e di tutta la popolazione».

Scaramellini: «La Lombardia non meritava la "zona rossa"»

«Per l'impegno già profuso la Lombardia non meritava la "zona rossa": il provvedimento è eccessivo e ci auguriamo venga presto rivisto dal Governo. Queste restrizioni pesano maggiormente sulle persone fragili: a loro dobbiamo un'attenzione e una cura particolari. A beneficio degli anziani, dei malati e di chi è rimasto solo è sempre attiva la rete di aiuto e di sostegno in collaborazione con la Protezione Civile e la Croce Rossa. Saremo vicini a tutti, nessuno sarà lasciato solo, per questo motivo chiedo a chi è a conoscenza di situazioni a rischio di comunicarlo, affinché il Comune possa intervenire».

«Sappiamo bene ciò che ci è consentito e quello che non possiamo fare - conclude Scaramellini - conto sul senso di responsabilità che abbiamo dimostrato di avere. Rispettiamo le regole e sopportiamo le rinunce, aiutiamo chi si trova in difficoltà o fatica ad adattarsi: sorretti da questo spirito e adottando comportamenti virtuosi le settimane trascorreranno velocemente e prima potremo uscire dalla zona rossa. Abbiamo una missione da compiere: sconfiggere la pandemia. Ce la faremo anche questa volta. Forza e coraggio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Forcola, scivola nel bosco ghiacciato: 64enne muore dopo un volo di 100 metri

  • Violenza e minacce contro la fidanzata: denunciato 25enne

Torna su
SondrioToday è in caricamento