Morbegno, Gavazzi tranquillizza tutti: «La febbre è passata, sto bene»

Sono dieci i morbegnesi contagiati da coronavirus. Il sindaco Gavazzi traccia un bilancio della situazione

Da qualche giorno a Morbegno circolava la voce, alimentata dai social, che il Sindaco di Morbegno avesse contratto l coronavirus. Alberto Gavazzi, con un messaggio postato proprio sui social, ha voluto tranquillizzare i propri concittadini. Il primo cittadino della città del Bitto ha poi tracciato un bilancio sulla 'situazione coronavirus' in città. 

«Cari concittadini - scrive Alberto Gavazzi - con piacere vi comunico che mi sono liberato da una febbre persistente che per dieci giorni mi ha messo alla prova. Ora mi toccano però due settimane di quarantena obbligatoria avendo avuto contatto con una persona contagiata dal Covid-19. Voglio tranquillizzare tutti: sto bene e da oggi riesco ad essere saldamente operativo. Ovviamente da casa». 

«Questa settimana - prosegue - si apre con dei dati che, se pure con grande cautela, ci fanno sperare. In città abbiamo dieci casi di contagio accertati, un numero che è rimasto abbastanza contenuto. A questi nostri concittadini esprimiamo tutta la nostra vicinanza e l’augurio di guarire al più presto. Teniamo però bene a mente una cosa: se vi sono e vi saranno dei segnali positivi, ciò non deve farci abbassare il livello di attenzione. La lotta contro il virus non è vinta e sarebbe insopportabile assistere all'annullarsi dei progressi che abbiamo saputo conquistare con fatica. Lo dobbiamo prima di tutto al personale medico e paramedico che in prima linea sta affrontando una condizione di guerra. E non sarà mai sufficiente il grazie che dobbiamo loro». 

«Ringrazio poi - continua il sindaco - tutti i lavoratori che permettono lo svolgimento dei servizi necessari e, tra questi, i dipendenti del Comune di Morbegno, a cui rivolgo un caloroso saluto. Mi preme a questo punto ribadire l’assoluta importanza di sottostare alle imposizioni che i provvedimenti, sia del Governo sia della Regione, ci impongono: rispettarli meticolosamente risponde al senso di responsabilità civica che deve continuare a connotarci. Le ultime misure restrittive erano un atto di prevenzione assolutamente necessario e gran parte della popolazione ha dimostrato di saper partecipare responsabilmente e attivamente alla battaglia per il contenimento del virus». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Salutandovi - conclude il primo cittadino di Morbegno - voglio rimarcare l’importanza di STARE A CASA e limitare ogni contatto sociale. E' difficile, con il tempo che trascorre lento, costringersi dentro alla propria abitazione, ma è necessario e dobbiamo resistere.UNITI MA DIVISI ce la faremo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento