menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la testimonianza dell'infettivologa del Morelli: «Malattia lunga che necessita di molto tempo per guarire»

La dottoressa Patrizia Zucchi: «Noi lavoriamo per curare i pazienti ma meno ne abbiamo e meglio è. Facciamo affidamento sul buonsenso delle persone affinché diminuiscano i contagi e i ricoveri»

Tra i medici che dal 2 marzo sono impegnati al Morelli di Sondalo, trasformato "ospedale covid-19", c'è anche Patrizia Zucchi, infettivologa di Ponte in Valtellina. In queste giornate di difficoltà ha voluto riportare e rendere note le sofferenze che sono costretti a patire i pazienti affetti da una malattia sconosciuta che ha costretto i medici ad acquisire conoscenze e a fare esperienza in corsia, giorno dopo giorno.

«I pazienti soffrono molto per la mancanza di respiro - spiega la dottoressa Zucchi -, quando sopraggiungono le crisi hanno bisogno di un aiuto immediato e l'isolamento rende tutto più difficile. Chi supera la malattia ne ha un ricordo drammatico, di sofferenza e di stanchezza, di una fase critica lunga e di una ripresa che necessita di molto tempo?.

Si tratta inoltre di una patologia ad elevata contagiosità, basta pochissimo per infettarsi, per questo è obbligatorio il distanziamento sociale. «Noi medici dell'ospedale covid-19 abbiamo bisogno del sostegno di tutti - aggiunge -: il modo migliore per manifestarlo è rispettare le regole, perché noi lavoriamo per curare i pazienti ma meno ne abbiamo e meglio è. Qui facciamo affidamento sul buonsenso delle persone affinché diminuiscano i contagi e i ricoveri».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In una situazione drammatica, in reparti al completo, di fronte a una patologia sconosciuta e difficile, a emergere è il senso del dovere dei medici, lo spirito di collaborazione, l'abnegazione, la voglia di ciascuno di fornire il proprio contributo. I medici specialisti che già lavoravano a Sondalo, i colleghi impegnati in altri reparti, quelli giunti dall'Ospedale di Sondrio, come la dottoressa Zucchi, quelli rientrati in servizio, i medici volontari arrivati da altre zone d'Italia: un'équipe di altissimo livello che opera in piena sintonia, senza risparmiarsi, curando e dando conforto a pazienti lontani dagli affetti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento