Coronavirus, la Comunità Montana di Morbegno difende le case di riposo: «Basta attacchi strumentali»

La Giuta esecutiva morbegnese: «La Magistratura sta svolgendo doverose indagini nell'interesse di tutti, ma c'è chi emette giudizi inopportuni, chi individua colpevoli per il solo gusto di farlo»

La Giunta esecutiva della Comunità Montana Valtellina di Morbegno ha voluto esprimere tutto il suo rammarico per gli attacchi, a suo dire, strumentali lanciati nei giorni scorsi nei confronti della Case di riposo del Morbegnese e della provincia di Sondrio più in generale, fortemente messe alla prova dal coronavirus.

Con una nota i rappresentanti della CM hanno voluto esprimere la loro vicinanza a tutto il personale sociosanitario coinvolto nell'emergenza covid-19 e lanciare un appello al rasserenare il clima politico.

Un intervento che fa seguito, sulla stessa linea di pensiero, a quello di giovedì 16 apirle 2020 quando ad intervenire era stato il sindaco di Morbegno, Alberto Gavazzi.

«La portata assolutamente straordinaria, nella sua drammaticità, di quanto è avvenuto a partire dalla fine di febbraio ha trovato tutti impreparati. Nessuno avrebbe mai potuto prevedere quanto le nostre vite ne sarebbero state sconvolte, nessuno era pronto a fronteggiare un'emergenza sanitaria di queste dimensioni ma tutti, ciascuno nel proprio ruolo, si sono impegnati e prodigati per contrastarla, avendo cura delle persone gravemente ammalate innanzitutto, ma anche di chi avrebbe potuto contrarre il virus. I momenti concitati che ne sono seguiti, l'incertezza sulle decisioni da assumere, la precarietà delle situazioni sono figli di una tragedia giunta del tutto inattesa. Le persone più direttamente coinvolte, medici, infermieri, operatori sociosanitari, meritano la nostra riconoscenza e il nostro rispetto perché come e più di altri hanno rischiato in prima persona e si sono impegnati fino a isolarsi dagli affetti più cari e a rinunciare momentaneamente alla loro vita per curare gli ammalati. Le Case di riposo della provincia di Sondrio sono ben gestite da amministratori che hanno a cuore i loro ospiti, condotte nel lavoro quotidiano da operatori preparati e attenti ai bisogni di persone che necessitano di cure particolari. Ne siamo convinti» hanno scritto in una nota gli amministratori morbegnesi.

Attacchi strumentali

«Nei giorni in cui il coronavirus continua a mietere vittime, proviamo un certo disappunto di fronte agli attacchi strumentali, a volte inaccettabili nella forma e nei contenuti, sferrati nei confronti delle Case di riposo. Il nostro pensiero è rivolto in particolare all'Ambrosetti-Parravicini di Morbegno e alle altre del nostro mandamento, ma si può estendere a tutte quelle di Valtellina e Valchiavenna. Oltre al rispetto dovuto ai morti, alla vicinanza a chi ha perso un congiunto, non deve mancare il sostegno a chi amministra e a chi lavora all'interno delle residenze per anziani. La Magistratura sta svolgendo doverose indagini nell'interesse di tutti, ma c'è chi emette giudizi inopportuni, chi individua colpevoli per il solo gusto di farlo» hanno continuato dalla Comunità Montana di Morbegno.

«Siamo tutti affranti per quanto sta avvenendo, sinceramente addolorati per i tanti anziani morti, ma non reputiamo corretto mettere in dubbio la professionalità, la serietà e l'impegno di chi lavora nelle Case di riposo e di chi le dirige. Purtroppo questo virus altamente contagioso è arrivato all'interno di queste residenze e si è diffuso prima ancora che se ne conoscessero i devastanti effetti e nonostante l'impegno degli operatori non è stato possibile fermarlo. Tutti vogliamo capire come sia avvenuto e premunirci affinché non accada più» ha aggiunto la Giunta esecutiva.

«L'appello che rivolgiamo a tutti è di garantire la tranquillità necessaria per proseguire un lavoro che rimane duro e difficile, delicato e rischioso. Sosteniamo le nostre Case di riposo invece di attaccarle, rendiamo merito a chi si sta impegnando. Arriverà il tempo in cui serenamente potremo analizzare la situazione per capire che cosa è successo realmente, ma non soltanto nelle residenze per anziani, ovunque. Ora dobbiamo tutti collaborare e dare il nostro contributo per uscire dall'emergenza» hanno concluso i rappresentati politici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Livigno annuncia l'apertura della stagione invernale 2020-2021

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento