menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, garantite nell'ospedale di Sondrio tutte le attività d'urgenza

Il direttore generale di ASST, Tommaso Saporito: «Grazie allo straordinario lavoro di medici, infermieri e personale sociosanitario siamo in grado di garantire cure e interventi in emergenza e urgenti, come accade normalmente»

A partire dal 2 marzo scorso, con la trasformazione del Morelli in ospedale covid-19, presso il Presidio Ospedaliero di Sondrio sono state concentrate tutte le attività sanitarie, mediche e chirurgiche d'urgenza e quelle ambulatoriali non differibili, le emergenze e le urgenze, comprese, provvisoriamente, le alte specializzazioni.

Sospese le prestazioni non urgenti, visite ed esami, proseguono tutte quelle che non si possono differire, così come le terapie oncologiche e radioterapiche e la dialisi. Sempre a Sondrio è stato concentrato il punto nascita, garantendo comunque le figure professionali essenziali anche a Sondalo.

Presso il Pronto soccorso, nell'area esterna, sono stati allestiti due tendoni per il triage, con percorsi separati per coloro i quali presentano sintomi sospetti di covid-19 e per chi invece necessita di essere curato per tutte le emergenze, ad esempio per un infarto, con l'Emodinamica che è attiva 24 ore su 24 per tutta la provincia di Sondrio e l'Alto Lario,  e per gli altri traumi. 

La testimonianza dell'operatore sanitario: «Non abbiamo le protezioni per il coronavirus»

Le parole del direttore generale

«L'Ospedale di Sondrio opera a pieno servizio fornendo le risposte attese agli utenti - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -: grazie allo straordinario lavoro di medici, infermieri e personale sociosanitario siamo in grado di garantire cure e interventi in emergenza e urgenti, come accade normalmente. Certamente la situazione creata dal coronavirus ha comportato la riduzione degli accessi, sia per la sospensione delle prestazioni non urgenti sia per decisione degli utenti stessi, ma cure e terapie che non possono essere interrotte proseguono, così come sono assicurati gli interventi in urgenza?.

I controlli alla portineria

L'ingresso all'Ospedale, limitato alla portineria principale su via Stelvio, è presidiato da addetti che sottopongono a controllo della temperatura le poche persone che possono accedere: in caso di febbre superiore a 37.5 gradi vengono visitate per valutare le condizioni di salute. 

La denuncia del consigliere comunale: «In ospedale si entra senza controlli»

Le visite dei parenti sono vietate salvo particolari eccezioni, espressamente autorizzate dai medici del reparto, per assistere persone non autosufficienti o partorienti, sempre limitate a una persona soltanto. A tutti i dipendenti, dotati dei necessari dispositivi di protezione individuale, viene controllata la temperatura prima di prendere servizio, come previsto dalle linee guida

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento