menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La casa di riposo S.Benigno a Berbenno di Valtellina

La casa di riposo S.Benigno a Berbenno di Valtellina

Coronavirus a Berbenno di Valtellina, su 21 persone positive 13 sono operatori sanitari che lavorano negli ospedali o nelle RSA

«A tutti loro - dichiarano dall'amministrazione comunale - va un pensiero di ringraziamento e grande riconoscenza per il servizio che stanno svolgendo per l’intera Comunità».

Sale a 21 il numero di residenti a Berbenno di Valtellina ad avere contratto il coronaviurs. A comunicarlo, nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 15 aprile, l'Agenzia Territoriale della Salute. Conferma è poi arrivata in serata anche dall'amministrazione comunale del paese. Delle 21 persone contagiate, 13 sono operatori sanitari che lavorano in strutture ospedaliere o case di riposo della zona.

«Al momento - fa sapere l'amministrazione comunale di Berbenno - é salito a 21 il numero delle persone positive al Covid 19 Corona Virus nel nostro Comune.  Tra i positivi ci sono operatori sanitari che lavorano nella nostra RSA o in altre RSA della Provincia residenti a Berbenno; le persone interessate si trovano in isolamento presso il loro domicilio, così come coloro che sono entrati in contatto.  La situazione è attentamente monitorata dalle Autorità Sanitarie. Esprimiamo la nostra vicinanza, augurando a tutti una pronta guarigione». 

«Questo incremento di numeri - proseguono - non deve generare allarmismi, in quanto è conseguente all’estensione dei tamponi al personale socio - sanitario e che lavora nei luoghi dove il rischio di contatto con persone affette dal virus è più alto.  Su 21 persone positive 13 sono operatori sanitari che lavorano negli ospedali o nelle RSA.  A tutti loro va un pensiero di ringraziamento e grande riconoscenza per il servizio che stanno svolgendo per l’intera Comunità.  D’altro canto facciamo ancora appello al vostro senso civico, alla vostra responsabilità e pazienza: per quanto risulti difficile bisogna continuare a rispettare le regole imposte, evitando di uscire di casa se non per incombenze urgenti ed indifferibili, sempre muniti di mascherina e guanti».

Attività agro-silvo-pastorale da gestire con buon senso

«È stata resa nota la comunicazione circa il permesso di svolgere attività agro-silvo-pastorali anche di natura non professionale, sicuramente una buona notizia, che vi invitiamo comunque a gestire con buon senso, nel rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie ed evitando assembramenti.  Ribadiamo anche che persiste fino al 3 maggio il divieto di recarsi nelle baite di montagna, se non per interventi o incombenze urgenti.  È concesso lo spostamento solo a chi si trova da tempo nei maggenghi e si reca in paese per acquisti alimentari». 

«Concludiamo Informandovi del fatto che due delle persone che inizialmente erano state dichiarate positive ora sono guarite.  Questa bella notizia ci deve far ben sperare, con l’augurio che si possa estendere al più presto a tutte le persone malate.  Restiamo uniti anche da lontano,  insieme ce la faremo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento