Coronavirus, i carabinieri portano a casa degli anziani la pensione: come farsi aiutare

Un modo per salvaguardare i pensionati da furti, scippi o truffe e consentirgli una minore esposizione al rischio di contagio

L’impennata della diffusione del virus ha comportato l’adozione di nuove misure straordinarie a tutela della salute pubblica nonché finalizzate a preservare l’efficienza del sistema sanitario non solo per pazienti covid ma anche per la restante parte della cittadinanza che dovesse necessitare di assistenza sanitaria. L’Arma dei carabinieri, oltre a svolgere i dovuti controlli finalizzati al rispetto delle norme nell’interesse collettivo, è sempre vicina alla popolazione, in particolare a coloro che sono più a rischio o comunque hanno difficoltà anche per gli spostamenti consentiti.

Una delle iniziative messe in campo a livello nazionale la scorsa primavera è stata la firma di un accordo, tuttora vigente, tra Arma dei carabinieri e Poste Italiane per offrire gratuitamente agli anziani di età pari o superiore a 75 anni che non abbiano l’accredito della pensione su un libretto od un conto postale la possibilità di delegare i carabinieri al ritiro della pensione che verrà recapitata a casa direttamente dai militari. È un modo per salvaguardare i pensionati da furti, scippi o truffe e consentirgli una minore esposizione al rischio di contagio. 

Per avere informazioni o richiedere il servizio, sono sempre attive h 24/24 e 7/7 le centrali operative dei carabinieri. In base alla residenza, i cittadini interessati potranno contattare:

  • Per Sondrio e Bassa Valle, il Comando Provinciale di Sondrio: 0342/2211,
  • Per la Valchiavenna, la Compagnia di Chiavenna: 0343/262600,
  • Per Tirano e l’Alta Valle, la Compagnia di Tirano: 0342/709900. 

Sono comunque attivi anche i numeri di telefono delle 19 Stazioni Carabinieri distribuite su tutto il territorio della provincia di Sondrio. Il servizio viene effettuato da carabinieri in uniforme e con le autovetture militari in modo da essere facilmente ed immediatamente riconoscibili.

Come avvenuto anche nella scorsa primavera, la cittadinanza può rivolgersi ai carabinieri anche per altre esigenze in considerazione della frase riportata sul sito dell’Arma e sulle auto delle pattuglie in servizio su tutto il territorio provinciale: “POSSIAMO AIUTARVI”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Spostamenti vietati a Natale, Santo Stefano e Capodanno: le regole del nuovo Dpcm

Torna su
SondrioToday è in caricamento