Coronavirus, Sondrio chiude i cimiteri cittadini

L'assessore Barbara Dell'Erba: «Tornerà il tempo per visitare e curare le tombe dei nostri cari, adesso l'obbligo che abbiamo è quello di tutelare la nostra salute e quella degli altri per superare questa emergenza»

Con un'ordinanza emessa nella mattinata di mercoledì 25 marzo 2020 il sindaco Marco Scaramellini ha disposto la chiusura dei cimiteri di Sondrio e delle frazioni fino al prossimo 15 aprile.

Il provvedimento si è reso necessario a seguito delle disposizioni, a livello nazionale e regionale, per contenere la diffusione del coronavirus, che limitano gli spostamenti delle persone alle più stringenti necessità.

«La decisione è stata attentamente valutata - spiega l'assessore Barbara Dell'Erba -, ma è motivata dalla drammaticità del momento che tutti noi stiamo vivendo e dall'assoluta necessità di rimanere nelle proprie abitazioni, che riguarda in primo luogo gli anziani, in quanto soggetti fragili più esposti alle complicazioni connesse al contagio. Anche la passeggiata fino al cimitero per visitare i cari defunti e sistemare le tombe pone le persone di fronte a rischi che sarebbe insensato correre, per questo motivo riteniamo che i cittadini possano concordare con noi sull'importanza di questo provvedimento».

I cimiteri rimarranno chiusi fino al 15 aprile, eventualmente anche oltre, nel caso in cui la situazione lo renderà necessario, ma verranno aperti per il rito religioso della benedizione e della deposizione della salma ai soli parenti del defunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La chiusura dei cimiteri non preclude a nessuno la possibilità di ricordare i propri cari e di pregarli - conclude l'assessore Dell'Erba -, tornerà il tempo per visitarli e curare le loro tombe, adesso l'obbligo che abbiamo è quello di tutelare la nostra salute e quella degli altri per superare questa emergenza e tornare alla vita di sempre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento