Chiavenna piange il 'Partigiano Bruno'

Giovanni Conca si è spento all'età di 96 anni

Tra le vittime di questi difficili giorni c'è anche Giovanni Conca,  il partigiano Bruno. Classe 1926, Giovanni Conca, nome di battaglia “Bruno”, partigiano della 90esima brigata Garibaldi “Elio Zampiero”, fu un protagonista della liberazione di Chiavenna dai nazifascisti. Vicinanza e messaggi di cordoglio dalla Valchiavenna e dall’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) di Sondrio.

L'Anpi Sondrio saluta il partigiano Bruno

«Non potremo salutarlo come avrebbe meritato, lo facciamo con un grande abbraccio virtuale a lui e ai suoi cari, dedicandogli le parole e le note di quella canzone, "Fischia il vento", che tanto gli piaceva». 

 Ricordiamo le parole pronunciate cinque anni fa in occasione del settantesimo anniversario della Liberazione. «Ricordo il giorno della Liberazione di Chiavenna, era il 27 aprile del '45. Alle 6,30 scendemmo dal Deserto verso Pratogiano e iniziò l'attacco ai fascisti della Milizia confinaria, delle Brigate nere e dei tedeschi. A mezzogiorno mi ritrovai in piazza del municipio libero, finalmente non c'era più il podestà. Non dovevo più nascondermi in montagna, basta lunghe marce nella neve, la gente ci salutava con gioia. Rivolgo un pensiero ai nostri morti e ai sacrifici fatti, al nostro comandante Pietro Porchera "Tiberio"»

Il messaggio di cordoglio del Sindaco di Chiavenna Luca Della Bitta

«Alla sua famiglia, ai suoi amici un abbraccio. A ciascuno di noi l'impegno di proseguire a combattere, per la salute, la libertà, la nostra gente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Troppa gente parla per vecchi schemi.
La vita è adesso.
Questo tempo ci dice con certezza chi sa essere uomo e ci mette la faccia e la vita..
O chi invece, continua a comportarsi come se nulla stesse accadendo...
Io sto con l'uomo. Libero, forte, coraggioso"
E a questi uomin, di ieri e di oggi, porto rispetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento