menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiavenna, salgono a 11 i contagiati dal coronavirus. Della Bitta: «Grazie a medici e operatori della casa di riposo»

Il sindaco di Chiavenna traccia un bilancio dell'emergenza con particolare attenzione alla casa di riposo

Anche a Chiavenna sale il numero di persone che sono state contagiate dal coronavirus. I contagi salgono a 11, più di 40 le persone in isolamento. Nella casa di risposo, da inizio anno, sono una decina gli ospiti che hanno perso la vita. Come ogni sera è Luca Della Bitta, sindaco della Città della Mera a fare un bilancio della situazione nel 'suo' comune. 

«I casi ufficiali positivi al coronavirus - scrive Della Bitta - sul territorio di Chiavenna, dall'inizio dell'emergenza sono 11. Siamo a oltre 40 persone che hanno vissuto/stanno vivendo l'isolamento obbligatorio presso il proprio domicilio in quanto contatti diretti di persone positive. In questi giorni è intenso il lavoro, sul territorio, dei nostri Medici di Medicina generale con i quali è  attivo un contatto costante e una proficua collaborazione».

«Continua - prosegue il sindaco di Chiavenna - il lavoro con impegno straordinario degli operatori presso la nostra casa di riposo. Dall'inizio dell'anno purtroppo sono una decina i casi di decessi riconducibili alla sintomatologia da covid 19. La vita dei nostri anziani avviene con un preciso protocollo che isola tutti i pazienti sintomatici dal resto degli ospiti garantendo a tutti le cure e le attenzioni previste. I medici e gli operatori della struttura hanno intensificato i rapporti di informazione telefonica delle famiglie rispondendo anche a richieste precise da parte dei parenti o necessità particolari. Per gli ospiti che si trovano in una situazione cognitiva che lo consente, grazie alla collaborazione con la cooperativa Nisida, è stato anche attivato un servizio di videochiamata  tra paziente e famigliari. Ovviamente le visite dei parenti come da diverse settimane e già prima delle disposizioni ufficiali, sono totalmente sospese. Il personale, sempre sotto stretto controllo di salute prima di iniziare il lavoro, sta dimostrando una grande passione a servizio dei nostri "nonni" ospiti e siamo davvero grati per questo. L'impegno continua in questa direzione». 

«Come già comunicato proseguono i controlli da parte delle forze dell'ordine sul rispetto delle regole vigenti con specifiche attività su tutto il territorio. Da questa sera è  in vigore una nuova ordinanza regionale che conferma le regole precedenti fino al 13 aprile 2020 e introduce l'obbligo di coprirsi bocca e naso quando si esce dalla propria abitazione mediante mascherina, sciarpa, foulard o altro».

«Siamo stanchi di stare in casa - conclude il primo cittadino - ma per uscire il prima possibile e contenere una diffusione del virus dobbiamo resistere.Pertanto vale sempre la stessa regola...STATE A CASA. Grazie a tutti coloro che stanno collaborando, lavorando, incitando in questa difficile fase della nostra storia e delle nostra vita. Grazie a chi è in prima linea e nelle retrovie, a chi è  e sta a casa.  Questa sera un grazie speciale al personale, tutto il personale con diversi compiti, in servizio presso l'ospedale di Chiavenna». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento