Coronavirus

"Ragazzi vaccinatevi", il Comune di Sondrio si appella ai giovani

Solo il 58% dei sondriesi nati tra il 1992 e il 2003 si è vaccinato contro il covid. L'assessore alle Politiche giovanili, Lorena Rossatti: "I ragazzi si vaccinino dimostrando senso di responsabilità anche in vista del rientro a scuola: con la copertura vaccinale attuale non avremo la certezza del regolare svolgimento delle lezioni in presenza, poiché il rischio di nuovi contagi sarebbe altissimo"

I dati sulla copertura vaccinale in città sono confortanti, in linea con il resto della provincia, anche migliori rispetto ad altre zone della Lombardia, ma dopo la prova fornita da nonni e genitori tocca ora ai ragazzi dimostrare di avere a cuore la propria salute e quella degli altri, in particolare delle persone che a causa di problemi di salute non possono vaccinarsi e sono quindi esposte al rischio di contrarre il coronavirus con serie complicazioni.

Se i dati relativi ai vaccinati tra settantenni, ottantenni e novantenni evidenziano percentuali superiori o appena inferiori al 90%, tra le persone più giovani si scende: 80% per chi ha un'eta compresa tra i 60 e i 69 anni, 77% 50-59, 69% 40-49, 61% 30-39. Fra i più giovani, ventenni e teenagers, per i quali le prenotazioni si erano aperte all'inizio di giugno, la percentuale di chi ha scelto di vaccinarsi si abbassa ulteriormente: solo il 58% dei ragazzi nati tra il 1992 e il 2003, il 29% di quelli più piccoli.

"Confidiamo che chi, adulto o ragazzo, non si è ancora prenotato lo faccia presto - sottolinea il sindaco Marco Scaramellini -: le esperienze di altri Paesi e i dati diffusi a livello nazionale evidenziano come la vaccinazione funzioni eliminando il rischio di contrarre forme gravi della malattia e di dover ricorrere a cure ospedaliere. A fronte di nuovi casi di positività, causati soprattutto dalle nuove varianti, a essere ricoverate sono le persone non vaccinate: per sconfiggere definitivamente il coronavirus serve l'impegno di tutti. Basterebbe ripensare all'estate scorsa, all'incertezza e alla paura di allora, per renderci conto della fortuna che abbiamo oggi: potersi vaccinare è un grande privilegio di cui tutti dovremmo essere consapevoli. Un'opportunità tutt'altro che scontata che ci viene offerta grazie all'impegno di chi ha sviluppato il vaccino e di chi ogni giorno garantisce le somministrazioni".

"Tutti desideriamo tornare alle nostre abitudini, a frequentare i luoghi di svago, a ritrovarci insieme, a viaggiare - afferma l'assessore alla Protezione civile e alle Politiche giovanili Lorena Rossatti -, i giovani ancora di più poiché più degli adulti hanno patito le restrizioni. Per questo mi aspetto che si vaccinino dimostrando senso di responsabilità anche in vista del rientro a scuola: con la copertura vaccinale attuale tra i ragazzi non avremo la certezza del regolare svolgimento delle lezioni in presenza, poiché il rischio di nuovi contagi sarebbe altissimo. Ci sono dunque molti motivi per decidersi e mi auguro che chi ha ancora dei dubbi si convinca dell'importanza della vaccinazione per lasciarci definitivamente alle spalle la pandemia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ragazzi vaccinatevi", il Comune di Sondrio si appella ai giovani

SondrioToday è in caricamento