menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sertori contrario alla Lombardia "zona rossa": «Danno economico e sanitario per i cittadini. Un gran pasticcio»

Anche l'assessore regionale contro le decisioni del Governo: «Spero ci sia la volontà di rivedere il provvedimento»

Anche l'assessore lombardo agli Enti locali e alla Montagna, il valtellinese Massimo Sertori, non trova giusta la decisione del Governo di definire la Lombardia "zona rossa" durante la seconda ondata della pandemia da coronavirus, proprio come il "suo" presidente Attilio Fontana. «Il Presidente Conte ha confermato che i dati utilizzati per la determinazione delle fasce sono quelli di dieci giorni fa. Quindi, nel caso della Lombardia che ha dati aggiornati migliori rispetto quelli utilizzati, pare non meriti il titolo di fascia rossa con tutte le conseguenze del caso» ha commentato Sertori.

«Altre Regioni che 10 giorni fa avevano una determinata situazione epidemiologica fotografata e utilizzata per determinare la fascia, oggi potrebbero risultare sottovalutate rispetto alla situazione reale nel frattempo mutata. Ciò nonostante, per almeno 15 giorni i provvedimenti e limitazioni saranno relativi alla fascia meno restrittiva» ha continuato il leghista.

«Tale situazione potrebbe arrecare un danno non solo economico, come nel caso della Lombardia, ma addirittura sanitario per i cittadini. Un gran pasticcio!!! Spero ci sia la volontà di rivedere il provvedimento!» ha concluso Sertori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento