menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accordo tra ufficio scolastico e Melavì: mele e succo entrano in classe per 7800 alunni della Valtellina

Entro Natale i bambini delle scuole primarie della provincia di Sondrio riceveranno una fornitura di circa 1600 litri di succo di mela al 100% frutta e una mela ciascuno

Promuovere corretti stili di vita e un’alimentazione sana all’interno delle scuole della provincia è fra le priorità perseguite dall’Ufficio scolastico territoriale di Sondrio. Così come avvicinare gli studenti al mondo rurale e ai prodotti del territorio, favorendo percorsi didattici mirati che possano sensibilizzare le nuove generazioni anche rispetto a temi quali la tutela dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. È da tali premesse che nasce l’intesa fra Ust e la Società Agricola Melavì grazie alla quale, entro Natale, i 7.817 alunni della scuola primaria di Valtellina e Valchiavenna riceveranno una fornitura di circa 1.600 litri di succo di mela al 100% frutta e una mela ciascuno (per un totale di 1.000 kg di mele).

«Abbiamo deciso di offrire un bicchiere di succo e una mela ai bambini delle scuole elementari di tutta la provincia di Sondrio attraverso un piccolo impegno finanziario dell’Ust (grazie donazioni che ci pervengono) e uno sostanzioso da parte del Consorzio Melavì – esordisce il dirigente Ust, Fabio Molinari –. L’obiettivo è quello di far consumare ai ragazzi prodotti locali anche per renderli consapevoli di ciò che viene prodotto sul territorio e mettere in pratica quel concetto che ribadiamo continuamente del consumo dei prodotti a km zero. Il progetto si inserisce nel solco delle iniziative già messe in campo con Coldiretti sul tema dell’alimentazione e la consegna dei prodotti nelle scuole avverrà entro Natale. Mi auguro che i bambini possano far tesoro di conoscenze che in futuro potrebbero anche trasferire in uno specifico indirizzo di studi o in una professione».

«Si tratta di un’iniziativa interessante che consentirà ai bambini di Valtellina e Valchiavenna di sapere che anche noi abbiamo delle eccellenze – dichiara il presidente Melavì, Bruno Delle Coste – e il nostro prodotto è un prodotto genuino, garantito e controllato sotto ogni punto di vista».

A sinistra il dirigente Ust Fabio Molinari, a destra il presidente Melavì Bruno Delle Coste-2

I circa 1.600 litri di succo verranno così ripartiti fra gli Istituti comprensivi della provincia di Sondrio: all’Ic di Bebenno, che conta 246 alunni, circa 49,2 litri di succo; all’Ic di Bormio, dove gli alunni sono 728, 145,6 litri; all’Ic di Delebio, con 486 alunni, 97,2 litri; all’Ic di Talamona, con 308 alunni, 61,6 litri; all’Ic di Traona, con 226 alunni, 45,2 litri; all’Ic di Ardenno, con 282 alunni, 56,4 litri; all’Ic “Bertacchi”, con 408 alunni, 81,6 litri; all’Ic di Cosio Valtellino, con 205 alunni, 41 litri; all’Ic “Damiani”, con 324 alunni, 64,8 litri; all’Ic “Garibaldi”, con 413 alunni, 82,6 litri; all’Ic di Grosio, con 475 alunni, 95 litri; all’Ic di Livigno, con 438 alunni, 87,6 litri; all’Ic di Novate, con 261 alunni, 52,2 litri; all’Ic “Paesi Orobici” di Sondrio, con 364 alunni, 72,8 litri; all’Ic “Paesi Retici”, con 679 alunni, 135,8 litri; all’Ic di Ponte in Valtellina, con 390 alunni, 78 litri; all’Ic “Sondrio Centro”, con 405 alunni, 81 litri; all’Ic “Spini-Vanoni”, con 310 alunni, 62 litri; all’Ic di Teglio, con 400 alunni, 80 litri; all’Ic di Tirano, con 404 alunni, 80,8 litri; e alla scuola paritaria Don Lucchinetti di Sondrio, con 65 alunni, 13 litri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia sempre più zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento