menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbattuto il cinghiale delle scorribande a Faedo Valtellino

L'ungulato, un maschio di quattro anni del peso di 104 chilogrammi, è stato fermato dai cacciatori incaricati dalla Provincia

È stato abbattuto il cinghiale che da settimane, durante le ore notturne, raggiungeva dalla Val Venina la frazione di Martini, all'interno del territorio comunale di Faedo Valtellino, creando non pochi disagi ad abitanti e villeggianti a pochi metri dalle abitazioni.

Un abbattimento resosi necessario vista la presenza di diversi bambini e la "spigliatezza" dimostrata dall'animale nell'avvicinarsi al nucleo abitato anche in orari in cui la vita sociale della frazione era ancora "attiva".

Il grosso ungulato maschio, del cospicuo peso di 104 chilogrammi, è stato colto in flagrante mentre cercava di rovistare nelle coltivazioni di Martini. Appostati per l'occasione, i tre cacciatori incaricati, abilitati all’abbattimento controllato su indicazione della Provincia di Sondrio, hanno provveduto ad uccidere l'animale.

«Nelle ultime settimane non ci sentivamo più sicuri. Qui a Martini non ci sono grosse recinzioni e, specie in estate, ci sono diversi bambini, residenti e turisti, che giocano all'aria aperta, vicino al bosco, anche durante le ore serali. La presenza del cinghiale non ci permetteva di stare tranquilli. Vogliamo rinraziare i tre operatori della Provincia per il lavoro svolto, per di più a titolo gratuito» hanno commentato alcuni abitanti della frazione di Faedo Valtellino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento