Per il Ciapél d’Oro 2019 la ribalta nazionale del 'Festival delle Alpi di Lombardia'

Per la prima volta la manifestazione enologica di Castione Andevenno, in programma da mercoledì 3 a domenica 7 luglio, è inserita nel cartellone della celebre manifestazione lombarda. Tanti gli eventi in provincia di Sondrio

I rappresentanti di Castione Andevenno alla presentazione dell'edizione 2019 a Milano

Oltre 50 eventi per valorizzare la montagna d'estate. E' stata presentata a Palazzo Lombardia la nona edizione del 'Festival delle Alpi di Lombardia', in programma il 6 e 7 luglio. Protagoniste le montagne lombarde con eventi e appuntamenti in cinque province montane: Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Sondrio.

Un appuntamento di spicco per la 35esima edizione del Ciapél d’Oro di Castione Andevenno, in programma da mercoledì 3 a domenica 7 luglio, per la prima volta inserito nel cartellone del 'Festival delle Alpi di Lombardia'.

Per la Pro Loco di Castione Andevenno, che promuove il Ciapél d’Oro, la soddisfazione della ribalta regionale e nazionale e il riconoscimento della qualità di una manifestazione che a pieno titolo valorizza la montagna.

«Abbiamo accolto l’invito di Montagna Italia con grande gioia. Negli ultimi anni il Ciapél d’Oro è cresciuto e si è affermato per i valori sui quali è fondato. Al centro c’è il nostro territorio straordinario, noi ci limitiamo a valorizzarlo e a promuoverlo nella giusta maniera puntando sulle peculiarità che lo rendono unico. Il Festival delle Alpi di Lombardia ci aiuterà a farlo conoscere in ambito nazionale» ha commentato la presidente della Pro Loco Michela Mozzi.

Il programma completo del CIAPEL 2019

«Come è successo per la vittoria delle Olimpiadi - ha affermato l'assessore regionale allo Sport e Giovani Martina Cambiaghi - fare squadra è il modello vincente. Lo hanno capito, ancora prima del progetto Milano Cortina 2026, già 9 anni fa, l'associazione Montagna Italia di Bergamo e il Club Alpino Italiano, che si sono uniti per dare vita alla nona edizione del 'Festival delle Alpi di Lombardia».

«Il Festival - ha aggiunto l'assessore -, con gli innumerevoli appuntamenti in programma, propone un manifesto turistico dell'intero arco alpino lombardo. Si tratta di un evento culturale volto a promuovere i territori montani e a stimolare la riscoperta di natura, usi e costumi di una regione mai abbastanza conosciuta ed esplorata».

«L'obiettivo del Festival - ha continuato l'assessore Cambiaghi - e' di promuovere una frequentazione sostenibile delle nostre montagne, dei loro paesi e borghi, promuovendo le attivita' che la gente svolge e che permetteno alla montagna di rimanere viva. Una frequentazione, che non deve essere 'mordi e fuggi', ma volta a comprenderne nel tempo la cultura, le tradizioni, la storia, per poter riconoscere la fatica del vivere in montagna e apprezzare la resilienza dei suoi abitanti. Vorremmo soprattutto essere stimolo per iniziative e azioni future, quali tutela, valorizzazione e promozione di un bene prezioso perche' le montagne sono una risorsa vitale e come tali vanno salvaguardate e tutelate».

«Mi fa molto piacere che, anche quest'anno, sia la Regione Lombardia a tenere a battesimo il 'Festival delle Alpi' - ha dichiarato l'assessore regionale alla Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni Massimo Sertori -. Una kermesse rivolta a tutti gli amanti della montagna, vista a 360 gradi: dal paesaggio ai prodotti tipici, dalla storia all'enogastronomia, dalla natura alle tradizioni, pilastri fondanti di una cultura come quella lombarda. Eventi come questi rappresentano una straordinaria vetrina per i territori montani, perche' avvicinano turisti e appassionati di tutte le eta' a luoghi fragili, ma di incomparabile bellezza, che meritano di essere conosciuti, ammirati e vissuti».

«L'attenzione della Regione Lombardia verso la montagna e le istanze dei suoi cittadini non e' mai distratta e va sempre più nella direzione di una tutela e di uno sviluppo sostenibile dei suoi territori - ha evidenziato Sertori -. Per attuare politiche mirate e concrete, mi sono posto l'obiettivo di redigere, entro la fine della legislatura, una legge quadro per il rilancio dell'intero 'sistema montagna' che, oltre a raggruppare le leggi vigenti, possa essere implementata grazie all'ascolto dei territori. Espressione dei territori e' anche il 'Festival delle Alpi', che, nel corso degli anni, ha beneficiato di un prezioso passaparola che ne ha decretato il successo - ha concluso -. Successo che, sono certo, si ripetera' anche in questa edizione, raccogliendo moltissima partecipazione e premiando la lungimiranza dei suoi organizzatori».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovata senza vita nell'Adda la donna di Buglio in Monte scomparsa domenica

  • Sondrio in lutto per la morte di Stefania Barcio

  • Fusine, si cerca nell'Adda una 50enne scomparsa da casa

  • Covid, un nuovo focolaio nel reparto di Neurologia dell'ospedale di Sondrio

  • In auto con la droga insieme al loro neonato di 5 mesi: denunciati due giovani di Sondalo

  • Corruzione e truffa aggravata, nei guai ex primario del Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento