Ruinon, il vallo paramassi continua a riempirsi di materiale: chiusa ancora la provinciale

Inutili i lavori dei giorni scorsi, dalla frana continua a scendere a valle copioso materiale fangoso. Santa Caterina Valfurva di nuovo isolata

La strada provincia 29 "del Gavia" per raggiungere Santa Caterina Valfurva è ancora chiusa a causa della frana del Ruinon. A darne notizia è ancora una volta il Comune di Valfurva con un comunicato diramato attorno alle ore 8 di sabato 10 ottobre 2020. Come succede oramai da una decina di giorni il vallo, perfezionato a protezione della strada nell'estate del 2019, si continua a riempire di materiale franoso da non permettere così una corretta defluizione delle acque e del fango al tombotto di scolo.

«Al momento la sp 29 resta chiusa per materiale nell’invaso. Sono in corso da parte della Ditta incaricata dalla Provincia interventi con escavatore per cercare di togliere il materiale sceso nel vallo. Ieri mattina (venerdì 9 ottobre, ndr) il tombotto era stato completamente liberato dopo tre giorni di lavoro, quello depositato nuovamente è frutto delle colate avvenute dal primo pomeriggio di ieri che ha nuovamente ostruito totalmente i drenaggi» ha specificato il vicesindaco di Valfurva, Luca Bellotti.

Da lunedì 5 ottobre, dopo la chiusura della strada provinciale 29 "del Gavia" dello scorso fine settimana, gli abitanti di Santa Caterina Valfurva potevano transitare solamente in orario diurno, dalle ore 6,30 alle ore 19,30. Ora il nuovo stop.

vallo Ruinon Valfurva-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Fontana: «Con questi numeri la Lombardia sarà zona gialla dall'11 dicembre»

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Piantedo, giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

Torna su
SondrioToday è in caricamento