Chiavenna, di notte al parcogiochi per fare pipì: dieci persone sanzionate

Il sindaco Luca Della Bitta ha scelto la linea dura

Il comune di Chiavenna al fine di accertare comportamenti illeciti che principalmente accadono nelle notti dei fine settimana sul territorio ha potenziato vari strumenti per il contrasto di tali fatti.

In particolare è stata potenziata l ’illuminazione pubblica e la videosorveglianza. Quanto sopra permette alla polizia locale di visionare vari filmati di ciò che accade nei luoghi pubblici cittadini quali vie, piazze e parchi giochi.

Proprio in riferimento al parco giochi di Pratogiano, posto molto frequentato e apprezzato di giorno da numerose famiglie con i propri piccoli, negli ultimi tempi era diventato di notte luogo dove venivano espletati bisogni corporali di tante persone con conseguente abbandono di tali bisogni sia sul prato che sui giochi così che la Polizia locale, nell’ultimo weekend, è riuscita in una fascia  oraria che va da mezzanotte alle tre di notte ad identificare già un decina di persone mentre compivano tali atti e che verranno puntualmente sanzionate; inoltre al vaglio vi sono attualmente altre decine di persone ancora da identificare.

Tale attività di contrasto continuerà anche nei prossimi giorni affinchè il parco giochi torni ad essere solo un luogo per il quale è deputato cioè di ritrovo e svago per famiglie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Da tempo - ha dichiarato il sindaco Luca Della Bitta - stiamo lavorando, in collaborazione con le forze di polizia, per contrastare atteggiamenti e situazioni inaccettabili di mancato rispetto della cosa pubblica e di disturbo. Ho fiducia nei giovani e continuo ad averla. Ma chi sbaglia, esagera, manca di rispetto è giusto che paghi, serve per educare. Linea dura? Si. Su questo si. E intendiamo proseguire anche su altri aspetti come il consumo di alcolici, in particolare ai minori, consumo di sostanze stupefacenti e il disturbo alla quiete pubblica. Non in maniera generalizzata ma individuando chi sbaglia e non rispetta le regole».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga, arrestati quattro insospettabili

  • Ecco l'autunno: freddo, neve e grandine in provincia di Sondrio

  • Coronavirus a scuola, una nuova classe in quarantena a Valfurva

  • Coronavirus, nuovo caso all'Alberti di Bormio: un'altra classe in quarantena

  • Coronavirus, crescono i casi di positività in Valtellina e Valchiavenna

  • Coronavirus, al Morelli ricoverati sopratutto anziani delle case di riposo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento