rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Legame speciale / Chiesa in Valmalenco

Ecco perché il cervo Bambi non può stare con chi l'ha cresciuto

Sta commuovendo l'Italia intera la storia di Giovanni Del Zoppo e del suo Bambi le cui strade, ora, rischiano seriamente di separarsi

Sta commuovendo l'Italia intera la storia di Giovanni Del Zoppo e del suo cervo Bambi: da due anni, cioè da quando Del Zoppo lo ha trovato abbandonato, poco più che neonato e lo ha portato con sé l'animale vive nella stalla dell'operaio della Valmalenco in Val Rosera, ma ora questo rapporto speciale rischia di essere bruscamente interrotto.

Le regole

Il cervo, infatti, non può più vivere nella stalla di Del Zoppo con alcune delle sue 70 pecore: la legge, infatti, non consente a un esemplare di fauna selvatica, come Bambi, di vivere in stalla o in casa. In più tra poco tempo Bambi "sarà in amore" e con le sue corna potrebbe diventare pericoloso.

Ecco perchè, a breve Bambi, verrà trasferito in un agriturismo del morbegnese, a meno che Giovanni Del Zoppo e la figlia Sara, proprietaria dell'azienda agricola di cui la stalla fa parte, non allestiscano nei prati della Val Rosera un'area recintata sufficientemente grande e conforme alla normativa vigente, per continuare a tenere Bambi con loro.

La mobilitazione

Da un lato le regole, dall'altro, però, i sentimenti e l'affetto della gente, manifestato da più parti nei confronti di Giovanni Del Zoppo: in molti, infatti, stanno chiedendo che Bambi rimanga in Valmalenco con il suo padrone a cui lo unisce un legame molto forte, come dimostra anche un fatto accaduto pochi giorni fa, quando il cervo si è allontanato dalla stalla, facendo poi ritorno, però, dopo cinque giorni quando, addirittura è andato a cercare Del Zoppo nella cava dove l'uomo lavora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco perché il cervo Bambi non può stare con chi l'ha cresciuto

SondrioToday è in caricamento