Attualità

Centro Servizi Volontariato, Filippo Viganò confermato presidente

Ruolo di vicepresidente per Gabriella Bertazzini, di Agenzia per la Pace Sondrio

Filippo Viganò è stato riconfermato presidente del Centro di Servizio per il Volontariato-CSV Monza Lecco Sondrio.

Alla guida di CSV MLS dalla sua costituzione nel gennaio del 2018, in seguito alla fusione dei tre CSV delle province di Monza e Brianza, Lecco (So.Le.Vol.) e Sondrio (L.A.Vo.P.S.), Filippo Viganò dell’Associazione Volontari Sovico è stato designato dal nuovo Consiglio Direttivo a ricoprire nuovamente la carica di Presidente per i prossimi 3 anni. Al suo fianco i due vicepresidenti Gabriella Bertazzini dell’associazione Agenzia per la Pace di Sondrio e Claudio Dossi, presidente di Auser Leucum Lecco. 

Il bilancio dei primi anni

"Gli anni seguiti alla fusione dei CSV di Monza, Lecco e Sondrio hanno portato stimoli e operatività di grande interesse. Sono stati caratterizzati da due grandi momenti: la Riforma del Terzo Settore e la stagione del fermento normativo, da un lato, e dall’altro l’affermarsi di una visione allargata, comunitaria si direbbe oggi, dell’intervento delle realtà associative e del volontariato che ha coinvolto le istituzioni, i territori e tutti i soggetti che vi operano – sottolinea Gabriella Bertazzini – in  questa nuova dimensione il CSV ha sempre di piu? assunto la funzione di promuovere lo sviluppo civile, sociale e culturale delle comunità locali, sostenendo il volontariato attraverso la creazione di reti relazionali che pensino e programmino la costruzione di un nuovo welfare capace di guardare allo stesso tempo all’Europa e ai bisogni dei territori”.

La delegazione di Sondrio e le prospettive future 

La delegazione di Sondrio, oltre che da Gabriella Bertazzini, è composta da MariaPia Pasini (Univale) e Angelo Passerini (Il Quadrifoglio).

“Il ruolo dei CSV è diventato soprattutto quello di sostenere con competenza, professionalità e lavoro di rete le organizzazioni a diventare partner della pubblica amministrazione, delle aziende sanitarie, del mondo delle fondazioni e delle cooperative nei processi di programmazione e progettazione dei servizi sociali, sociosanitari e in generale delle politiche del welfare locale. In questa logica la pandemia ha evidenziato le potenzialità dell’associazionismo come catalizzatore delle reti solidaristiche e degli interventi pubblici – conclude Gabriella Bertazzini – nel futuro diventerà sempre più importante la capacità di partecipare ai bandi promossi non solo dal pubblico, ma anche dal privato sociale e a tutte quelle iniziative di collaborazione avviate sui territori anche dalle imprese più attente ai valori della coesione, della crescita e dell’inclusione sociale. Prioritario sarà necessariamente nei prossimi mesi il tema della lotta alla povertà e al contrasto di tutte le situazioni di emarginazione ed esclusione sociale che caratterizzano anche territori come quelli di nostro riferimento”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro Servizi Volontariato, Filippo Viganò confermato presidente

SondrioToday è in caricamento