Nasce CartAMOrbegno: una carta fedeltà che unisce i commercianti di Morbegno

Il presidente mandamentale Rovagnati: «Invito gli operatori ad aderire numerosi»

Grazie alla disponibilità della Fondazione Promor, i commercianti di Morbegno si uniscono realizzando una carta fedeltà comune alla città: CARTAMOMORBEGNO. Una card il cui obiettivo è fidelizzare e gratificare i clienti che decideranno di effettuare gli acquisti nei negozi e negli esercizi cittadini. L’iniziativa viene proposta non solo ai commercianti, ma anche agli artigiani, ai parrucchieri, agli estetisti. In virtù di questa carta fedeltà, i clienti che effettueranno acquisti negli esercizi appartenenti al circuito si vedranno riaccreditare una percentuale di quanto speso, con la possibilità di spendere il valore accumulato negli stessi esercizi della città. 

La card sarà dunque un vero e proprio “borsellino elettronico”, che accumulerà valore ad ogni acquisto: tale valore sarà riconosciuto e accettato da tutti i negozi che aderiranno all’iniziativa, in modo da creare un circuito virtuoso in grado di portare beneficio sia ai cittadini sia ai commercianti.

«Sarà un patto - spiega Mario Rovagnati, presidente dell’Associazione Mandamentale di Morbegno attiva all’interno dell’Unione del Commercio e del Turismo - stabilito tra i negozianti aderenti e i clienti. Da parte loro, i negozianti si impegnano a rinunciare a una quota dei propri incassi restituendoli ai clienti; in cambio, chiederanno la fedeltà negli acquisti e, quindi, di ricreare quel legame così importante per la nostra città. Siamo in una fase delicata della storia – aggiunge Rovagnati - ed è venuto il momento di trasformare lo slogan: “Uniti ce la faremo!” in una realtà tangibile». 

La Fondazione Promor contribuirà mettendo a disposizione un fondo pari a 150mila euro che, per i primi 250 euro di acquisti effettuati da ogni carta, riaccrediteranno il 10% di quanto speso, che si sommerà a un eguale valore messo a disposizione dai commercianti. I clienti, quindi, per i primi acquisti si vedranno riaccreditato il 20% di quanto speso. «Uno sforzo importante per i commercianti – precisa Rovagnati -, che in questo modo desiderano dare una mano concreta ai propri clienti. Nella fase di lancio la card verrà distribuita ai soli cittadini di Morbegno, in quella successiva sarà invece possibile per tutti i clienti richiedere la card e usufruire degli indubbi vantaggi».

Tecnicamente si parla di “Sconto differito” ossia di uno sconto che non viene effettuato contestualmente alla vendita, ma viene rinviato agli acquisti successivi all’interno del medesimo circuito. 

La card sarà supportata da un’app molto evoluta in grado, oltre che di trasformare lo smartphone del cliente in una replica della carta fisica, di diventare uno strumento di comunicazione con i clienti. Chiunque potrà scaricare l’applicazione e vedere quali negozi appartengono al circuito, trovare il modo di contattarli velocemente o addirittura, grazie alla geolocalizzazione, farsi accompagnare fino al negozio stesso. L’app permetterà, inoltre, di accedere alle pagine social dell’iniziativa che, a loro volta, condivideranno le notizie delle pagine dei negozi moltiplicandone la visibilità.

L’iniziativa è stata pensata in modo da andare incontro alle esigenze di un po’ tutte le tipologie di cliente: quello più digitalizzato potrà sfruttare l’app in tutte le sue funzioni, chi invece è un po’ più restio all’uso della tecnologia potrà semplicemente effettuare i propri acquisti mostrando la propria carta fisica, una volta giunto alla cassa.

Si tratta di un progetto articolato, che vede la Proloco di Morbegno mettersi al servizio per gestire l’infrastruttura software oltre che per attivare il punto informativo e di distribuzione della carta nella nuova sede di prossima apertura nell’ex Convento di Sant’Antonio.

Le carte saranno attive a partire dal mese di settembre 2020 e la fase di lancio che coinvolgerà i soli abitanti di Morbegno terminerà il 31 ottobre. 

L’iniziativa non prevede un termine e, se verrà condivisa sia dai clienti sia dai commercianti, potrebbe autoalimentarsi e accompagnare per molti anni gli acquisti effettuati in città. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Attualmente, dopo la presentazione ufficiale nei giorni scorsi anche alla presenza del sindaco Alberto Gavazzi (ndr, nella foto in allegato con il presidente mandamentale Rovagnati e la vicepresidente della Proloco Sabrina Labate) e dell’assessore al Commercio Massimo Cornaggia, è entrata nel vivo la fase di raccolta delle adesioni al progetto da parte dei commercianti e di altre attività della città interessate a partecipare. A tale riguardo – conclude Rovagnati -, sottolineo che si tratta di un’importante opportunità da non farsi sfuggire. Perciò, invito fortemente gli operatori di Morbegno ad aderire numerosi, per far sì che il progetto possa partire con il piede giusto e consolidarsi nel futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Livigno annuncia l'apertura della stagione invernale 2020-2021

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento