Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità Valfurva

Il ghiacciaio si ritira e spunta il cappello degli Alpini risalente alla Grande Guerra

Il ritrovamento sul ghiacciaio dello Zebrù. L'escursionista tedesco l'ha poi donato al Rifugio Quinto Alpini di Valfurva nel Parco nazionale dello Stelvio

Bernd Fehrle e il cappello ritrovato - Foto fb Rifugio Quinto Alpini

Un ritrovamento davvero straordinario quello fatto qualche giorno fa da un escursionista tedesco: Bernd Fehrle, di Stoccarda, ha infatti ritrovato tra le nevi del ghiaccio dello Zebrú un cappello del Quinto  Reggimento degli Alpini completo di fregio e ha deciso di donarlo al rifugio Quinto Alpini in Valfurva.

A rendere pubblica la notizia, ringraziando l'escursionista tedesco, il rifugio stesso in un post sulla propria pagina Facebook: “È stato emozionante per tutti”. Il cappello, trovato da Fehrle mentre camminava sul ghiacciaio dello Zebrù, è rimasto conservato nel ghiaccio per oltre un secolo.

“Probabilmente questo cappello è lì dal 1916 – si legge nel post del rifugio Quinto Alpini – viste le date di presenza del Reggimento sul posto. Nel marzo di quell'anno infatti il Quinto Reggimento Alpini battaglione Tirano viene sostituito dal Battaglione Val d'Orco. Voglio pensare che a far volare il cappello sia stata una folata di vento e che non sia invece di proprietà di un caduto”.

Dopo il ritrovamento l'escursionista tedesco non ha esitato a donare il cappello al rifugio in Valfurla (“dove ha trovato, nella nutrita bacheca di reperti, la compagni di un cappello identico ritrovato anni fa”) dedicato, come suggerisce il nome, proprio alla memoria degli alpini caduti sul campo. La struttura venne infatti costruita dal Cai di Milano nel 1884 e durante la Grande Guerra divenne base militare per la difesa della Valle Zebrù. Ripristinata nel 1919-1921, venne intitolata al Reggimento Quinto Alpini nel ricordo di tutti gli uomini caduti su quel fronte.

“Un grosso ringraziamento a Bernd - dicono dal rifugio - profondo conoscitore e appassionato della Grande Guerra. Il suo è un gesto nobile che va applaudito. Per un alpino, un gesto impagabile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ghiacciaio si ritira e spunta il cappello degli Alpini risalente alla Grande Guerra

SondrioToday è in caricamento