menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campagna antinfluenzale, le rassicurazioni di ASST Valtellina: «Tutto sotto controllo»

Nelle prossime settimane si arriverà alla cifra record di 7000 somministrazioni: il 50% in più rispetto agli anni scorsi. Riprogrammati gli appuntamenti spostati  

In poco più di due settimane, presso i centri vaccinali della provincia di Sondrio, come riporta Asst Valtellina e Alto Lario, sono state somministrate oltre 4500 dosi di vaccino ad altrettante persone fragili e ultrasessantacinquenni, lo stesso numero dell'intera campagna 2019. Nelle prossime settimane, con le nuove somministrazioni, si raggiungerà la cifra record di settemila cittadini vaccinati: circa il 50% in più degli anni scorsi.

Negli ultimi giorni, i centri vaccinali hanno dovuto rinviare alcuni appuntamenti perché le consegne dei nuovi quantitativi di vaccini, previste per la settimana scorsa, sono slittate di qualche giorno rispetto al calendario definito, ma nulla è cambiato rispetto ai programmi, e tutte le persone che si sono prenotate saranno presto vaccinate contro l'influenza, che quest'anno è attesa verso fine dicembre. Una precisazione, quella di Asst Valtellina e Alto Lario, giunta in seguito alle lamentele di diverse persone a cui era stata rinviato l'appuntamento per la somministrazione.

Rassicurazioni

«Vorrei rassicurare tutti sul fatto che la campagna per la vaccinazione antinfluenzale riprenderà al più presto - afferma il direttore sociosanitario Paolo Formigoni -: già a partire da domani (giovedì 26 novembre 2020, ndr) tutti gli ultrasessantacinquenni a cui è stata rinviata la vaccinazione verranno richiamati per fissare un nuovo appuntamento. La straordinaria adesione che abbiamo registrato rispetto agli anni passati ha causato qualche ritardo ma il vaccino sarà regolarmente somministrato presso i nostri Centri vaccinali a tutti quelli che ne hanno fatto richiesta?.

Intanto nella giornata di mercoledì 25 novembre sono stati consegnati i vaccini per gli operatori sanitari e già dal giorno seguente avrà inizio la campagna di vaccinazione a loro riservata, com'era nei programmi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento