rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Il pioniere del pallone

Il calcio valtellinese piange Carlo De Nigris

Autentico pioniere, nel 1978 aveva fondato l'Ac Valtellina, squadra che riuniva i migliori talenti della provincia di Sondrio

Lutto nel mondo del calcio della provincia di Sondrio che piange la scomparsa di Carlo De Nigris un autentico pioniere del pallone valtellinese.

De Nigris, infatti, ha dato vita, tra fine anni ’70 e inizio anni ’80, all’Ac Valtellina, la prima realtà in provincia di Sondrio che ha puntato a riunire e far giocare insieme i migliori giovani talenti proprio della provincia di Sondrio. Un’idea che si è rivelata vincente non soltanto sotto il profilo dei risultati, ma anche a livello umano e di crescita dell’intero movimento calcistico valtellinese: forte anche dei suoi contatti con l’Inter, infatti, Carlo De Nigris riuscì a ottenere l’affiliazione dell’Ac Valtellina alla società nerazzurra come “Scuola calcio Bedin” e i giovani calciatori poterono disputare, indossando proprio la maglia dell’Inter vari tornei internazionali sfidando squadre importanti e blasonate come Marsiglia, Barcelona, Monaco, Tolosa, Nizza, Milan, Genoa, Cagliari e Stella Rossa di Belgrado.

Il percorso calcistico

Dopo aver difeso la maglia del Como, vincendo un campionato Primavera, e anche del Teramo in serie C, e aver allenato Morbegnese, Delebio e Dubino, ecco per De Nigris, nel 1978 l’intuizione di fondare l’Ac Valtellina.

I ragazzi dell'Ac Valtellina nel 1978

Come detto, con le sue idee e il suo modus operandi, De Nigris si è dimostrato un autentico pioniere in un mondo del calcio che ancora oggi, in Valtellina, fa un po' fatica a superare i campanilismi e le divisioni a livello locale.

I giovani cresciuti sotto la guida di Carlo De Nigris all’Ac Valtellina, poi, costituirono tra l’altro, la colonna portante del Sondrio capace di risalire dalla Prima categoria fino all’Eccellenza e lo stesso lavoro di De Nigris venne riconosciuto dalla società biancazzurra, visto che il fondatore di Ac Valtellina approdò alla guida della formazione Juniores proprio del sodalizio del capoluogo.

Nel corso degli anni i legami con i suoi giovani calciatori, ormai cresciuti, si sono mantenuti molto stretti, tanto che a decine hanno partecipato ai funerali che si sono tenuti nella mattinata di ieri a Mantello e, per rendergli onore hanno indossato una fascia con i colori gialloverdi, proprio quelli dell’Ac Valtellina.

I ragazzi di De Nigris, ormai uomini, ieri al funerale del loro maestro

"E’ stato un ottimo allenatore e grande uomo - lo ricorda così Loris Barri, uno dei suoi ragazzi e ora dirigente del Sondrio -: solo ora, a distanza di anni, riesco a capire l’importanza e la bellezza di tutte le esperienze che abbiamo potuto vivere grazie a lui. Il mondo del calcio della provincia di Sondrio perde senza dubbio una figura importante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il calcio valtellinese piange Carlo De Nigris

SondrioToday è in caricamento