rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
valchiavenna / Piuro

La birra della comunità di Piuro è sempre più realtà

Il progetto "Filiera Brassicola Retica", promosso dal Comune di Piuro, si arricchisce grazie ad un contributo regionale di 200mila euro. La soddisfazione del paese

Il progetto "Filiera Brassicola Retica", promosso dal Comune di Piuro, si arricchisce e si completa grazie al contributo di 200 mila euro da Regione Lombardia per l'acquisto di un modulo produttivo e delle relative attrezzature. Un'iniziativa giudicata in linea con le politiche regionali per il sostegno, la promozione e la valorizzazione delle filiere locali e dei benefici che ne derivano a livello agroalimentare, sociale, economico e turistico.

Le attrezzature saranno messe a disposizione delle aziende agricole del territorio che potranno trasformare orzo, frumento, luppolo e piccoli frutti coltivati nei fondi recuperati dall'associazione Ass.Fo.Più. Un passaggio cruciale, la via verso l'autonomia finanziaria delle attività, grazie al supporto operativo garantito dal Comune.

A Piuro c'è grande soddisfazione, ben espressa da Mauro Bongianni, consigliere comunale e presidente di AssFoPiu, l'Associazione Fondiaria di Piuro: "Siamo grati a Regione Lombardia per questo importante contributo - sottolinea -: il sostegno al nostro progetto, fondamentale dal punto di vista economico, rappresenta uno stimolo ulteriore a proseguire nell'impegno per trasformare in realtà il nostro sogno di ridare vita e significato ai fondi abbandonati".

Non solo recupero ma anche sviluppo per un paese che si evolve puntando sulle sue peculiarità storiche e ambientali: la birra quale prodotto artigianale che riassume in sé una filosofia e una strategia coerenti con la politica di salvaguardia e sviluppo promossa dall'Amministrazione comunale.

"Quando ho promosso in regione la legge relativa alle associazioni fondiarie non credevo di poter arrivare in tempi così brevi a promuovere un prodotto finito e questo mi inorgoglisce - dichiara il consigliere regionale Simona Pedrazzi prima sostenitrice del progetto - questo progetto ha evidenziato la capacità ed il grande attaccamento al territorio da parte di una intera comunità, è il primo esempio concreto di attuazione del principio di economia circolare che vede le as.fo. come protagoniste dell'intera filiera, partendo dal recupero del territorio fino ad arrivare alla tavola con un prodotto a KM zero".

"Tramite le Associazioni fondiarie si possono raggiungere obiettivi di pubblica finalità quali: consentire la valorizzazione del patrimonio dei rispettivi proprietari; rispondere alle esigenze di tutela ambientale e paesaggistica; prevenire i rischi idrogeologici e d’incendio. L'impegno mio è quello di sostenere ed accompagnare questa realtà, e quelle che stanno nascendo o sono già operative, e fare in modo che questo progetto possa crescere nell'interesse dell'intera comunità" conclude la malenca.

Nuovo impianto

I 200 mila euro del contributo regionale serviranno per la realizzazione di un impianto di produzione professionale per birra collocato in un modulo indipendente, funzionale e perfettamente idoneo alla trasformazione di alimenti. Al suo interno ospiterà tutte le attrezzature necessarie alla realizzazione completa del processo di produzione di birra con metodo artigianale. Innovativo e versatile il modulo sarà anche attrattivo, poiché le attività saranno visibili dall'esterno e visitabili.

Progettato dall'architetto milanese Claudio Saverino in collaborazione con il mastro birraio Davide Viale potrà essere collocato in qualunque ambiente come installazione artistica produttiva in occasione di eventi. Conclusa positivamente la fase di reperimento delle risorse economiche, l'obiettivo del Comune è quello di stringere i tempi e di procedere celermente con l'acquisto delle attrezzature e avviare la produzione in sinergia con l'Associazione Fondiaria di Piuro.

In occasione della manifestazione "BeerFort" a Belfort di Piuro programmata per i prossimi 30 e 31 luglio, sarà il momento per conoscere il progetto nel dettaglio e assaggiare i primi prodotti scaturiti dalla collaborazione importante con Associazione Fondiaria, Comune di Piuro, Ersaf e Fondazione Fojanini.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La birra della comunità di Piuro è sempre più realtà

SondrioToday è in caricamento