rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
la posizione / Sondalo

Movimento Morelli autonomo: "I sindaci sbagliano, unica soluzione azienda ospedaliera autonoma"

Il commento del presidente Ezio Trabucchi alla volontà dei primi cittadini dell'Alta Valle di costituire una fondazione pubblica-privata: "Sbagliano nel metodo, negando il confronto, e sbagliano nel merito, insistendo sulla strada della fondazione"

In Alta Valtellina il Movimento popolare “Rinascita Morelli autonomo” continua sulla sua strada, nel tentativo di dare futuro all'ospedale di Sondalo. Se da una parte i tentativi di trovare una strada comune con i sindaci del Bormiese, convinti dell'importanza della creazione di una fondazione pubblico-privata, continuano a rimanere vani, nei giorni scorsi i rappresentanti del movimento hanno incontrato i dirigenti provinciali di Cgil, Cisl e Uil del settore "Funzione pubblica".

"È stato un incontro positivo nel corso del quale abbiamo spiegato ai dirigenti sindacali la nostra posizione in merito all’autonomia del “Morelli”. Autonomia sostenuta anche dalle organizzazioni sindacali, le quali hanno ribadito la loro posizione già espressa nel luglio 2020. Abbiamo invitato i sindacati ad approfondire la nostra proposta della costituzione dell’Azienda pubblica ospedaliera del “Morelli”, quale strumento e modalità più concreti e fattibili per raggiungere l’obiettivo auspicato dell’autonomia del Presidio di Sondalo" ha commentato Ezio Trabucchi, presidente del movimento.

"I rappresentanti sindacali, nel riservarsi di sottoporre la proposta ai propri organismi interni, hanno sottolineato, unitamente a noi, l’auspicio che tutta la sanità di montagna, nell’ambito della nostra ATS, possa avere istituzionalmente le risposte adeguate che oggi ancora mancano. Per il confronto avuto vogliamo ringraziare Cgil, Cisl e Uil, rappresentati da Michela Turcatti, Francesco Caiazza e Giuseppe Sergi, per la disponibilità all’ascolto e confronto: quella che manca alle Istituzioni locali" ha aggiunto Trabucchi.

Il rifiuto dei sindaci al confronto e la strada scelta per dare futuro al Morelli lascia l'amaro in bocca a Trabucchi. "I sindaci dell’Alta Valle negano il confronto, sbagliando nel metodo, ed insistono sulla strada della fondazione di partecipazione pubblico-privata, sbagliando (a nostro giudizio e non solo) nel merito. Ora però sono rimasti soli ed incombe su di loro una grave responsabilità, che li associa sempre più alla Regione Lombardia, all’assessore Sertori nella drammatica situazione del Morelli, con le continue segnalazioni indignate di cittadini/turisti e degli stessi operatori sanitari".

"La verità è che la fondazione di partecipazione pubblico-privata, come più volte abbiamo ribadito, è un percorso che risulta difficilmente praticabile per una serie di ragioni. La possibilità concreta e fattibile per l’autonomia del Presidio ospedaliero di Sondalo è l’istituzione dell’Azienda ospedaliera, autonoma e pubblica, del “Morelli”, come era sino al 2003; le Aziende ospedaliere autonome, in base alla recente legge sanitaria lombarda, possono essere costituite" conclude il preside del Movimento popolare “Rinascita Morelli autonomo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento Morelli autonomo: "I sindaci sbagliano, unica soluzione azienda ospedaliera autonoma"

SondrioToday è in caricamento