rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
La sperimentazione

"A casa tutto bene": il welfare innovativo per gli anziani fragili

Già partita la sperimentazione dedicata agli over 65 degli ambiti territoriali di Sondrio e Morbegno: ecco come funziona

Un percorso di accompagnamento costruito sulla fiducia, l’ascolto e la collaborazione. Un servizio che ruota attorno al benessere della persona fragile e della sua famiglia, nella convinzione che non esista posto migliore per sentirsi protetti e sicuri che non la propria casa: è racchiuso tutto qui il senso di “A casa tutto bene”, il progetto innovativo di cura domiciliare per anziani non autosufficienti e fragili che interessa i territori di Sondrio e Morbegno e che dopo la sperimentazione, iniziata nel mese di marzo, entra nel vivo proponendosi di allargare la propria capillarità per arrivare ad aiutare almeno 100 famiglie nei prossimi due anni.

L'iniziativa è scaturita, ed è sostenuta, dalla collaborazione tra il pubblico e il privato sociale che insieme danno vita ad una rete capace di dare risposte puntuali e mirate. I partner sono l’Ufficio di piano di Sondrio, capofila attuatore, l'Ufficio di piano di Morbegno e la Cooperativa sociale Grandangolo, ma ci sono anche altri soggetti quali l'Asst, la Fondazione Casa di riposo Ambrosetti Paravicini onlus di Morbegno e altri numerosi attori del Terzo Settore.

Il progetto è finanziato dall’Unione Europea con 2.460.000 euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza -NextGenerationEu Missione 5, Componente 2, Sottocomponente 1 “Servizi sociali, disabilità e marginalità sociale” Investimento 1.1 sostegno alle persone vulnerabili e prevenzione dell’istituzionalizzazione degli anziani non autosufficienti, Sub Investimento 1.1.2 Azioni per una vita autonoma e deistituzionalizzazione per gli anziani.

Un'occasione unica per promuovere, sperimentare e portare a regime un servizio innovativo. Le risorse servono infatti per sostenere le azioni di avvio del progetto (formazione, promozione, monitoraggio e profilazione), quelle di sviluppo territoriale (dalla mappatura alla promozione, passando per l'organizzazione e l'attivazione dei servizi complementari), per l'allargamento dei partner e dunque la sperimentazione di nuove collaborazioni e per tutte le attività di innovazione dei servizi domiciliari.

“A casa tutto bene” nasce all'interno di uno sguardo ampio sul mondo degli anziani e della non autosufficienza, provando a dare una risposta innovativa ai bisogni di una popolazione in aumento: nel territorio dell'Ats della montagna, che insieme alla provincia di Sondrio comprende anche l'Alto Lario e la Val Camonica, gli over 65 rappresentano il 25,11% del totale. L'incidenza più alta di tutta la regione, anche se, naturalmente, non tutti in condizioni di fragilità.

Partendo dalla necessità di programmare risposte adeguate ai cambiamenti presenti e futuri, dunque il progetto affronta il tema della permanenza delle persone anziane al proprio domicilio con un approccio plurale che ruota attorno al benessere dell’assistito, integrando l'offerta di servizi e interventi gestiti da molteplici attori (servizi sanitari, servizi sociali, Inps), sperimentando le tecnologie oggi disponibili per il monitoraggio a distanza delle persone anziane e attivando le comunità per far nascere piccoli aiuti di prossimità (volontari, pasti a domicilio, accompagnamento ai luoghi di socializzazione). In sintesi, un aiuto nelle attività fondamentali della vita quotidiana che la non autosufficienza impedisce alla persona anziana di compiere.

Per farlo, il servizio si fa in tre proponendo alla persona anziana e alla sua famiglia l'affiancamento di un care manager, figura guida nella scelta delle cure più adatte e dei servizi più utili tra tutti quelli già a disposizione nella rete d’offerta o da creare ex novo; l'attività domiciliare di sostegno e sollievo nell’assistenza della persona anziana e, appunto, il controllo a distanza attraverso sensori di movimento da installare in casa o un braccialetto al polso - dispositivi collegati alla centrale operativa del telesoccorso - per verificare con discrezione, ma costantemente il benessere della persona anziana.

Il servizio prevede tariffe agevolate per tutti i cittadini in funzione della fascia ISEE. Per attivarlo è sufficiente contattare gli operatori dedicati al numero 0342/030808 o alla mail info@acasatuttobene.it, fissare un appuntamento e, insieme, costruire il progetto: una risposta tagliata sui bisogni in tempi rapidi.

Al progetto, presente sui principali social media (Facebook, Instagram e LinkedIn), sono dedicati anche un sito e un blog: www.acasatuttobene.it. In provincia di Sondrio sono interessati, negli ambiti di Sondrio e Morbegno 50 Comuni e circa 100 mila abitanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"A casa tutto bene": il welfare innovativo per gli anziani fragili

SondrioToday è in caricamento