Giro Rosa, tutto pronto per la cronoscalata in Valmalenco

Mille metri di dislivello per una prova davvero dura

Giro Rosa: la settima tappa firmata Lanzada  Valmalenco il via il 12 luglio con una cronoscalata individuale da vere scalatrici.

Ci sarà una sola frazione nel 2018 del Giro Rosa che vedrà le atlete giocarsi il tutto per tutto, è quella lungo i quindici chilometri che da Lanzada (loc. Pradasc) arriverà allAlpe Gera, ai piedi del Bernina, la cima più alta della Alpi Centrali. 


Gli oltre mille metri di dislivello saranno sicuramente la prova più dura che le atlete dei ventiquattro Team presenti dovranno affrontare, una prova unica nel suo genere e inserita questanno per la prima volta nel Giro Rosa.
Oltre al grande valore sportivo, questa tappa ha un significato particolare: per la seconda volta nello sport del ciclismo (esattamente trentanni dopo il 1988 – 13^ tappa del Giro dItalia), la Valmalenco sarà accomunata al Giro. 


"Vogliamo promuovere assieme le peculiarità del nostro territorio e l'offerta turistica/sportiva complementare  evidenzia il Sindaco Marco Negrini – ciclismo, mountain-bike, e-bike e promozione marciano di pari passo, e la tappa del Giro Rosa non è altro che il risultato di questo paradigma. Aggiungiamo inoltre che Lanzada ha dato i natali ad atleti che oggi animano i circuiti professionisti (i fratelli Nicola e Andrea Bagioli)".


“La Valmalenco - aggiunge Roberto Pinna - crede nel mondo delle due ruote, perché riveste una posizione strategica all'interno dell'economia del territorio”.


Mentre lintera valle si sta colorando di rosa, con alcune coreografie coordinate dallassessore al turismo di Lanzada Serafino Bardea, ricordiamo che la partenza è fissata alle ore 12 per quello che sarà il cameo degli eventi di questa estate malenca. La manifestazione e il suo corollario di eventi si svilupperanno fino al tardo pomeriggio nel villaggio di arrivo di Campo Moro. 
Sarà un'occasione per promuovere e comunicare al mondo sportivo e agli appassionati del pedale le eccellenze che il territorio Malenco e Valtellinese hanno da offrire a una platea vasta, coniugando l'offerta del turismo montano con quella culturale, paesaggistica, ambientale, gastronomica e sportiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tirano: Gruppo Maganetti diventa B Corp, è la prima società di logistica in Europa

  • Coppa del Mondo, Elena Curtoni vince nella discesa libera di Bansko

  • San Cassiano, incidente sulla Statale 36: 14enne in ospedale

  • Sondrio, controlli alla stazione ferroviaria: la polizia ritrova 232 grammi di marjuana in un muro

  • Scadenza bollo auto 2020: lo sconto di Regione Lombardia per avere due mensilità gratis

  • Quaranta morti sulle strade valtellinesi in soli tre anni, in Prefettura riunito un osservatorio

Torna su
SondrioToday è in caricamento