Bormio, l'origine del nome della città

Sono diverse le leggende circa la sua fondazione

Il primo riferimento scritto a Bormio è contenuto in una lettera inviata dell'erudito Cassiodoro al re degli Ostrogoti Teodato nel 535 d.C.: si parla, infatti,di "acquas Bormias".

Ma da dove deriva il termine Bormias? Una prima tesi è la derivazione dal tedesco Warm (caldo) in relazione alle acque termali, mentre un secondo orientamento ritiene che la derivazione sia dalle divinità galliche "Borvo" o "Bormo" a cui erano dedicate allora numerose località termali.

Tirano, l'origine del nome della città

Sappiamo per certo che i Romani conoscessero ed apprezzassero Bormio per le sue acque termali, ma discordi sono i pareri sulla sua fondazione. Abitarono questa terra i Liguri, popolazioni preindoeuropee, poi i Reti, di probabile origine estrusca, e forse anche gruppi di origine celtica.

La leggenda. Lo storico bormiese Gioacchino Alberti, nelle sue "Antichità di Bormio", vorrebbe che dopo il diluvio universale di biblica memoria Zabet, figliuolo di Jesel, nipote di Noè, venuto dalla Scizia, abbia occupato questo paese.

Un’altra leggenda vuole Bormio fondata da una colonia etrusca guidata dal mitico Reto, capostipite della stirpe retica.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Autovelox fissi sulla nuova Statale 38: ecco dove

  • Cronaca

    Statale 36, autista perde il controllo ed esce fuori strada

  • Cronaca

    Ladre in azione all'Iperal di Piantedo: arrestate due nomadi

  • Cronaca

    Colico, ladri massacrano di botte padre e figlia

I più letti della settimana

  • Autovelox fissi sulla nuova Statale 38: ecco dove

  • Chiavenna, controllo antidroga al Caurga: un arresto

  • Ladre in azione all'Iperal di Piantedo: arrestate due nomadi

  • Colico, ladri massacrano di botte padre e figlia

  • Tangenziale di Morbegno, galleria al buio

  • Statale 36, autista perde il controllo ed esce fuori strada

Torna su
SondrioToday è in caricamento