Tir contromano sulla Statale, Masetti: «Doversosa una revisione immediata della segnaletica»

Il tratto di strada era già stato teatro di un tragico incidente nel quale morirono sei persone

Ennesima tragedia sfiorata ancora una volta sulla nuova variante di Morbegno all'altezza dello Svincolo di Cosio Valtellino. Nel pomeriggio di mercoledì 8 aprile, infatti, un mezzo pesante proveniente da Sondrio ha imboccato il tratto a 4 corsie della SS38 contromano. La segnalazione dell’accaduto è circolata sui social, per essere poi confermata dagli organi di stampa e dalla Polizia Stradale di Bellano che era intervenuta sul posto.  Resta ancora da chiarire l’esatta dinamica dei fatti, ma si può certamente affermare che l’accaduto non ha provocato danni alle persone solo grazie alla fortuita assenza di traffico sulla carreggiata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Fratelli d'Italia - spiega Marco Masetti - già all'indomani del tragico incidente di dicembre, nel quale morirono cinque giovani vatellinesi ed un giovane comasco, aveva sollevato perplessità circa la sicurezza di quel tratto di strada di recente inaugurazione. Tant’è che anche l’ente gestore, a seguito di vertice con Prefettura e Polstrada, aveva preannunciato interventi di messa in sicurezza. Molti automobilisti ancora oggi segnalano la difficoltà nel leggere chiaramente la segnaletica e, come accaduto ieri, continuiamo ad assistere a potenziali nuove tragedie.  Per questo ci sembra doverosa una revisione immediata della segnaletica orizzontale e verticale, in modo che risultino maggiormente funzionali e chiare ai guidatori che in pochi secondi devono leggere e imboccare la giusta direzione. Ci chiediamo inoltre se non sia realizzabile un prolungamento dello spartitraffico per incanalare il traffico prima del raddoppio di corsia e rendere invalicabile il limite di carreggiata. Nell’intento di scongiurare nuovi incidenti e nuove tragedie ci aspettiamo che l’ente gestore e le autorità preposte forniscano risposte celeri ai cittadini ed intervengano in modo definitivamente esaustivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sondrio e altri 7 comuni della provincia coinvolti nell'indagine sierologica covid-19 di Ministero della Salute e Istat

  • Coronavirus, Fontana si sbilancia: «Dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in Italia»

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, ancora casi nelle case di riposo della provincia

  • Sondrio, giovane denunciato per aver falsificato i controlli antidroga con un particolare kit

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

Torna su
SondrioToday è in caricamento