I neo sindaci valtellinesi in trasferta a Milano per presentarsi in Regione

La valtellinese Simona Pedrazzi, consigliere regionale: «Fare il Sindaco richiede passione, studio e profondo senso etico»

Sindaci valtellinesi in posa con il Consigliere regionale della Valmalenco Simona Pedrazzi

«Quello del sindaco è un lavoro esaltante, gratificante e allo stesso tempo molto difficile. Mi fa piacere vedere tra di voi tanti giovani e molte donne». Il presidente della Regione, Attilio Fontana, si e' espresso così nel rivolgersi, oggi nella sede della Regione, a 300 neosindaci della Lombardia, eletti qualche settimana fa e invitati a Milano dal governatore per un saluto e un augurio di buon lavoro.

All'iniziativa, ideata dal presidente Fontana, erano presenti anche il presidente del Consiglio Regionale, Alessandro Fermi, e il presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, sindaco di Lecco. 

«Uno dei complimenti che piu' mi fa piacere - ha aggiunto Fontana - è quando mi sento dire di essere bravo perche' 'si vede che ho fatto il sindaco', per questo vi dico che potete sempre contare su di me e piu' in generale sulla Regione. Il vostro - ha proseguito il presidente rivolgendosi ai 'primi cittadini'- e' un impegno importante e complesso, fortunatamente sembra che in questi ultimi periodi le cose stiano un po' migliorando e che ci sia qualche risorsa economica in piu' per compiere interventi a favore della vostra comunità».

Alla cerimonia era anche presente la valtellinese Simona Pedrazzi, consigliere regionale: «Fare il Sindaco richiede passione,studio,profondo senso etico e un’azione basata su una visione che tenga conto di una conoscenza che permetta di programmare e realizzare azioni basate su decisioni ponderate e sempre orientate al bene comune». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, come è facile ammalarsi. La storia del chirurgo del Morelli che spiega quanto è alto il rischio di contagio

  • Sorico piange Emanuele, infermiere all'ospedale di Gravedona

  • Coronavirus, quasi 500 i contagiati in provincia di Sondrio. La mappa interattiva comune per comune

  • La grave denuncia della Croce Rossa di Morbegno: «La gente ci nasconde i sintomi da coronavirus»

  • Delebio in lutto per la morte di Gianni

  • Coronavirus, anche in provincia di Sondrio il tampone si fa in auto. Come funziona

Torna su
SondrioToday è in caricamento