Lombardia e Svizzera a colloquio per frontalieri e progetti Interreg

L'assessore alla Montagna, Enti locali e Rapporti con la Confederazione Elvetica, Massimo Sertori ha incontrato il direttore della Segreteria di Stato per l'economia svizzera Marie Gabrielle Ineichen

Massimo Sertori e Marie Gabrielle Ineichen

Si è svolto nella giornata di mercoledì15 maggio, presso Palazzo Lombardia, l'incontro tra l'assessore alla Montagna, Enti locali e Rapporti con la Confederazione Elvetica, Massimo Sertori e il direttore della Segreteria di Stato per l'economia svizzera Marie Gabrielle Ineichen a cui hanno partecipato anche Félix Baumann, console generale di Svizzera a Milano, Gregorio Bernasconi, segretario e capo della Sezione economica presso l'Ambasciata a Roma, Aloïs Passaplan, collaboratore del Segretario di Stato presso il Dipartimento federale dell'Economia e Francesco Quattrini, delegato per i Rapporti Transfrontalieri e Internazionali del Cantone Ticino.

L'incontro si è svolto in un clima cordiale e di intesa su una serie di tematiche strategiche comuni che riguardano il futuro della Svizzera e dell'Italia, tra cui il Programma Interreg, l'accordo relativo all'imposizione dei lavoratori frontalieri e l'iter che riguarda l'autonomia differenziata. A conclusione da entrambe le parti si è preso l'impegno di proseguire verso una sempre maggiore collaborazione tra Lombardia e Svizzera.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di pizzoccheri, indignazione social al supermercato di Milano

  • Lutto in Valtellina, è morto Emilio Triaca

  • A "Sondrio è estate" è la serata della Musica

  • A Ponchiera ci sarà una cantina ipogea per i vini

I più letti della settimana

  • Insalata di pizzoccheri, indignazione social al supermercato di Milano

  • Pericolo zecche: alcuni consigli per proteggersi

  • L'Adda restituisce il corpo del 19enne gettatosi dal ponte

  • Lo spettacolo della Re Stelvio Mapei, tutte le classifiche

  • Droga: 18enne di Mello ai domiciliari per spaccio

  • Lutto in Valtellina, è morto Emilio Triaca

Torna su
SondrioToday è in caricamento