Decreto sicurezza, Sertori: "Dispiaciuto dall'atteggiamento di disobbedienza dei sindaci"

"E questo lo prevede la Democrazia", ha specificato Sertori che poi ha ironizzato "Se non piace una legge sulle tasse, non le pago? Non funziona così".

"E' per me incomprensibile l'atteggiamento di alcuni sindaci che assumono chiaramente una posizione di tipo politico e strumentale, che va oltre il proprio ruolo e le Istituzioni che rappresentano. Il Decreto Sicurezza è stato infatti approvato dal Governo e sottoscritto dal Presidente della Repubblica". Lo ha detto Massimo Sertori, assessore della Regione Lombardia con delega agli Enti locali, commentando la decisione di alcuni sindaci di "disubbidire" e di non applicare le norme del "Decreto sicurezza". "Le leggi possono piacere o non piacere - ha continuato Sertori - ma devono essere rispettate da tutti, soprattutto dai rappresentanti delle istituzioni che portano con sé maggiori responsabilità rispetto ai singoli cittadini".

"E questo lo prevede la Democrazia", ha specificato Sertori che poi ha ironizzato "Se non piace una legge sulle tasse, non le pago? Non funziona così". "La disapplicazione della legge costituisce non solo un atto illegittimo, ma anche una grande mancanza di rispetto per tutti quegli amministratori che invece sono rispettosi delle regole e rispondono a tutti i loro cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora difendendo il provvedimento, Sertori ha aggiunto: "Sono molto dispiaciuto di questo atteggiamento irrispettoso nei confronti della legge e della Democrazia. Mi sarei aspettato da parte dei sindaci, dato che siamo di fronte alla prima finanziaria che dopo anni conferisce loro risorse, un ringraziamento a questo Governo che ha invertito una tendenza, dimostrando una grande sensibilità nei confronti dei Comuni". "Il Decreto sicurezza del ministro dell'Interno Matteo Salvini - ha puntualizzato Sertori - ha di fatto posto dei limiti alla illegalità, alla mafia e all'immigrazione incontrollata nelle nostre città, dotando le forze dell'ordine di strumenti adeguati che consentano interventi risolutivi e preventivi. Gli stessi sindaci che violano la legge, abbiano il coraggio di spiegarlo ai loro cittadini perché contestano il ministro Salvini e non condividono il Decreto sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassa Valle in lutto per la morte di Beatrice

  • Coronavirus, Sondrio piange la professoressa Cristina Esposito

  • Coronavirus, sale ancora il numero dei morti. La mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus, dall'inizio dell'emergenza sono morte 50 persone in provincia di Sondrio

  • Sorico piange Emanuele, infermiere all'ospedale di Gravedona

  • Coronavirus, altri 44 contagiati in provincia di Sondrio. Sono 399 i casi dall'inizio dell'emergenza

Torna su
SondrioToday è in caricamento