Valdidentro, ordinanza di sfalcio: esenzione per i proprietari dei fondi ritenuti impervi

Il fieno non utilizzabile ai fini agricoli dovrà essere trasportato, invece, nelle piazzole del Tres e Vallaccia, negli orari di apertura tradizionali

Il sindaco Massimiliano Trabucchi ha da poco emanato l'ordinanza di sfalcio per regolare il taglio del fieno all'interno del Comune di Valdidentro. 

Tra le novità introdotte con l'ordinanza di quest'anno vi è la possibilità di esenzione per i proprietari dei terreni il cui sfalcio può portare a situazioni di pericolo, a condizione che venga presentata entro le date di termine previste, tramite apposito modulo disponibile al protocollo del Comune, una proposta per una differente gestione o coltivazione del fondo (piantumazione, posa di elementi per risolvere i problemi di sicurezza, ecc..) da concordare con l’Amministrazione Comunale.

È anche possibile accordarsi telefonando al numero 331.7016126 (Responsabile OMG) per il ritiro del fieno direttamente in loco o per richiedere l'eventuale servizio oneroso di taglio o pascolo del fondo. Anche le attività agricole interessate al ritiro gratuito del fieno potranno chiamare il numero telefonico per prendere accordi per il ritiro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fieno non utilizzabile ai fini agricoli dovrà essere trasportato, invece, nelle piazzole del Tres e Vallaccia, negli orari di apertura tradizionali. 

"Come indicato nel programma elettorale e dimostrato anche l'anno scorso, siamo favorevoli alla prosecuzione del provvedimento relativo allo sfalcio introdotto dalla precedente amministrazione", dichiara il Sindaco Trabucchi in una nota. "Con l'ordinanza di quest'anno abbiamo però voluto definire alcuni aspetti non completamente “risolti”, come ad esempio una sensata e logica destinazione finale del materiale derivante dallo sfalcio e le situazioni di oggettivo “pericolo”, nell’esecuzione dell’ordinanza, per taluni proprietari di fondi ricadenti in zone particolarmente difficili da raggiungere e falciare, a causa dell’elevata pendenza e la vicinanza a strade ad elevato transito veicolare."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Livigno, nasce una sfida per superare i propri limiti

  • Tragedia in Valsassina, padre uccide i due figli 12enni e si toglie la vita

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento