Ubriaco alla guida di una e-bike, la nuova frontiere dei reati stradali

Un uomo di 37 anni è stato fermato dai carabinieri di Chiavenna dopo che si era dato alla fuga con la su bicicletta elettrica

C'è un nuovo scenario di reato sulle strade italiane e valtellinesi. Lo dimostra quanto accaduto nei giorni scorsi a Chiavenna dove i carabinieri della locale compagnia hanno fermato, dopo esser stati costretti ad un inseguimento, un uomo di 37 anni che, in sella alla sua bicicletta elettrica, è risultato poi avere un tasso alcolemico pari a 0,90 grammi per litro.

L'uomo aveva attirato l’attenzione dei militari con il suo comportamento anomalo a bordo della sua e-bike. Alla vista dei carabinieri ha cercato di darsi alla fuga per eludere il controllo, ma è stato fermato e sottoposto agli esami alcolemici.

La velocità delle e-bike

Per legge la velocità massima delle biciclette elettriche, conosciute anche come e-bike, viene limitata. Sebbene la maggio parte dei motori elettrici montati sulle biciclette sarebbe in grado di raggiungere velocità davvero significative (40-50 km/h), comunemente la velocità viene automaticamente “limitata” al raggiungimento di 25 km/h.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • La neve continua a scendere a Livigno, Passo della Forcola chiuso definitivamente per l'inverno

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

Torna su
SondrioToday è in caricamento