Traona, tre 'nuove' fontane grazie alla Protezione Civile

Il coordinatore Giovanni Mazzolini: «Siamo armati di tanta buona volontà, ma abbiamo sempre bisogno di forze fresche»

Anche i cittadini di Traona meno attenti si saranno accorti che da qualche mese nel paese retico della Bassa Valle sono 'nate' tre nuove fontane, o meglio, due sono state recuperate e restaurate ed una è stata creata ex novo. Una di queste si trova in via Prati Grassi e da anni giaceva in stato di abbandono, un'altra in via Primo Maggio, comoda per coloro che transitano sulla pista ciclabile e la terza, un capolavoro dell'artigianato in via Vallone.

Un lavoro non da poco se si considera che a svolgerlo sono stati i volontari della Protezione Civile del comune della Bassa Valle.

La storia della Protezione Civile di Traona

Il Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile di Traona si è costituito nel settembre 2002 su necessità del Comune di formare una squadra di volontari da impiegare nelle varie situazioni di emergenza, mettendo a disposizione del Gruppo un locale, come sede, nell’edificio scolastico in via Ponte di Ganda e un magazzino sotto quella che è la sede della posta. 

Tutte le attività sono svolte senza alcun scopo di lucro e i soldi ricavati vengono sempre reinvestiti sul territorio. In questo caso i soldi per il recupero e la creazione delle tre fontane sono stati guadagnati dai volontari grazie al lavoro svolto nell'operazione 'Fiumi sicuri'.

Attualmente i membri sono 19, tra cui due giovani ragazze: il più giovane è del 1999 e il più 'esperto' che ha 82 anni.

Mazzolini: «Siamo armati di tanta buona volontà, ma abbiamo sempre bisogno di forze fresche»

«Tutto quello che facciamo, lo facciamo perchè abbiamo a cuore la nostra Traona - esordisce così il coordinatore del gruppo Giovanni Mazzolini - Il bene del paese è il nostro obiettivo. Quando la gente mi chiede "ma chi te lo fa fare?" Io rispondo che lo faccio per il bene comune, per i nostri figli e per le generazioni future».

 «La voglia di fare è sempre tanta nonostante l'età avanzi, ma abbiamo bisogno di forze fresche che ci diano una mano a portare avanti il nostro progetto di un futuro migliore. Il volontario è una persona normalissima che si mette a disposizione per il bene della collettività. Le piccole e grandi soddisfazioni, insieme alle fatiche e alle levatacce, non mancano, ma la forza del gruppo e le cene in compagnia sanno ripagare tutti gli sforzi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se qualcuno fosse interessato ad entrare a fare parte di questa 'famiglia' di volontari non esiti a visitare il sito www.protezioneciviletraona.it o a contattare personalmente il sig. Giovanni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Tragedia a Berbenno, 42enne stroncato da malore a Prato Maslino

  • Uomo trovato senza vita sul sentiero della Val Codera

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento