Studenti valtellinesi a lezione dall'economista Carlo Cottarelli

"Ringrazio Arca Fondi SGR per aver accolto i nostri ragazzi e il professor Carlo Cottarelli per aver accettato di incontrarli e scambiare con loro alcune interessanti riflessioni legate all’universo dell’economia in tutte le sue sfaccettature" - ha sottolineato il dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio, Fabio Molinari

Trasferta milanese per una delegazione di studenti valtellinesi che ieri, martedì 19 febbraio, è stata accolta nella sede di via Disciplini dai vertici di Arca Fondi SGR per una lezione-confronto insieme all’economista di fama internazionale, Carlo Cottarelli, attualmente Direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano.

A fare gli onori di casa sono stati l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Arca Fondi SGR, Ugo Loser, e il Vice Direttore Generale, Simone Bini Smaghi, che hanno introdotto i ragazzi alla conoscenza di una tra le principali Società di Gestione del Risparmio operanti in Italia. Una lezione interattiva di economia a tutto tondo quella alla quale ha assistito una quarantina di studenti di due classi quarte provenienti dall’Istituto “Pinchetti” di Tirano e una dal Liceo “Piazzi-Perpenti” di Sondrio, accompagnati dai docenti Antonia Pozzi, Bruno Di Giacomo Russo, Grazia Potenza e dal funzionario Ust, Domenico Longobardi. Dopo aver partecipato all’incontro con Cottarelli organizzato lo scorso 26 ottobre dalla Banca Popolare di Sondrio insieme ad Arca Fondi SGR a Sondrio per la presentazione del volume “I sette peccati capitali dell’economia italiana”, i ragazzi non si sono certo fatti cogliere impreparati durante la “speciale lezione milanese”. Tante le domande rivolte all’autore del libro legate ad alcuni dei più stringenti temi di attualità: dalle novità legate al mercato del lavoro e alle tipologie di contratto, a curiosità più tecniche riguardanti la legge di bilancio e il capitale sociale, passando all’analisi dei problemi legati alle difficoltà di convivenza con l’euro.

«Come è emerso dall’incontro sono convinto che i giovani siano parte della soluzione ai problemi attuali e, una simile occasione di confronto, li può certamente aiutare a sviluppare una visione critica della realtà – ha dichiarato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Arca Fondi SGR, Ugo Loser –. Negli anni abbiamo promosso diverse iniziative che hanno coinvolto le scuole ma questa è stata la prima esperienza di un coinvolgimento diretto di questo genere e siamo felici di averlo fatto con degli studenti della provincia di Sondrio, il cui territorio è nel nostro Dna».

«Ringrazio Arca Fondi SGR per aver accolto i nostri ragazzi e il professor Carlo Cottarelli per aver accettato di incontrarli e scambiare con loro alcune interessanti riflessioni legate all’universo dell’economia in tutte le sue sfaccettature – ha sottolineato il dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio (UST), Fabio Molinari –. Si è trattato di un incontro interessante e dal grande valore formativo: un’occasione rara ed estremamente preziosa che ha consentito agli studenti di interagire direttamente con uno dei massimi esperti di economia del panorama internazionale. I ragazzi ne sono stati entusiasti e sono certo che faranno tesoro di questa esperienza, sia sul piano educativo che su quello umano».

Potrebbe interessarti

  • Sondrio si disinfesta dalle zanzare, attenzione alla salute

  • La Valtellina vuole le Olimpiadi 2026, maxischermo a Sondrio per l'assegnazione

  • Innevamento artificiale, la Regione stanzia 9,4 milioni di euro

  • Torna "Sondrio è estate", si parte con la "Dance night"

I più letti della settimana

  • La frana in Val Lesina fa paura: 150 persone evacuate, altre 250 a rischio

  • Frontale in galleria a Verceia, automobilisti incastrati tra le lamiere

  • Sondrio si disinfesta dalle zanzare, attenzione alla salute

  • Mello, cade dalla moto: è grave

  • Persona dispersa nell'Adda: soccorsi in azione

  • I problemi della Scuola, la lettera di un'insegnante sondriese

Torna su
SondrioToday è in caricamento