Sondrio, sottopasso di via Nani: serviranno ancora tre mesi

Massera: "Le condizioni meteo e non criticità di cantiere, che dovrebbero essere sostanzialmente superate, potrebbero ulteriormente condizionare le tempistiche”

“Riteniamo opportuno e doveroso fare il punto sui lavori di realizzazione del sottopasso di via Nani, opera tanto attesa dalla città”. Così l'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Sondrio, Andrea Massera, che intende aggiornare la cittadinanza sull'importante intervento. “Come già segnalato nelle scorse settimane – spiega Massera - i lavori hanno subito dei ritardi imputabili a varie cause, tra cui, in particolare, le problematiche relative ai sottoservizi, lo slittamento delle tempistiche imposte da Rete Ferroviaria Italiana per la chiusura della tratta ferroviaria, le forti piogge di fine ottobre con conseguente significativo innalzamento della falda. Trattandosi di cause non imputabili all’impresa, è stata pertanto concessa una proroga dei tempi di consegna del sottopasso al 31 marzo 2019”.

Ad oggi sono stati realizzati l’impalcato e la platea del sottopasso, completata a inizio mese di dicembre, ed è in corso la realizzazione dei muri interni.

“La Direzione lavori ci segnala che le lavorazioni possono proseguire, nonostante le temperature, in quanto si svolgono in ambienti confinati e coperti sotto la ferrovia – prosegue l'assessore -. Se dovessero perdurare temperature rigide, una volta terminate le operazioni in corso al di sotto della sede ferroviaria, i lavori potrebbero venire sospesi in attesa di migliori condizioni climatiche. Le condizioni meteo (e non criticità di cantiere, che dovrebbero essere sostanzialmente superate) potrebbero quindi ulteriormente condizionare le tempistiche”. Con una determina di qualche giorno fa, il dirigente del Settore servizi tecnici del Comune ha inolte approvato la perizia suppletiva e di variante in corso d’opera dei lavori, che comporta una maggior spesa rispetto al progetto originario di 125.000 euro.

“Sono stati stanziati maggiori fondi, per circa un 10% del costo complessibo, per interventi di completamento, che renderanno più efficiente l'opera – precisa l'assessore Massera –. In particolare, 30 mila euro serviranno per le sistemazioni esterne del parcheggio privato in via Toti che è stato occupato prima per la realizzazione dello spostamento del collettore fogniario e poi per la realizzazione del lato sud-ovest della rampa di innesto del sottopasso; 20 mila euro aggiuntivi riguardano l'indennità di occupazione di tutte le aree private occupate per il cantiere, visto che i tempi di realizzazione si sono allungati; ulteriori 20 mila euro sono relativi a spese tecniche; e 55 mila euro derivano da maggiori spese derivanti dal lavoro in notturna effettuato durante i giorni di chiusura della linea ferroviaria rispetto a quanto stimato in progetto, dalla realizzazione della stazione di pompaggio più adeguata alle portate idriche in gioco e ad altre modeste modifiche effettuate in sede realizzativa, anche dovute a modifiche progettuali che si sono rese necessarie in corso d'opera”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale a Castione Andevenno: scontro tra due auto e un furgone

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Esce di strada con l'auto, rocambolesco incidente a Castello dell'Acqua

  • Coscritti di Chiavenna esagerati: caos fuori da scuola, 16enne in ospedale

  • Ecco il nuovo piano della sanità provinciale: Sondrio fulcro della rete di ospedali sul territorio

  • Gordona, tragedia nei boschi: muore 83enne

Torna su
SondrioToday è in caricamento