Il sindaco di Tartano condannato per peculato

A Oscar Barbetta 1 anno e 10 mesi di reclusione dopo il primo grado di giudizio

Il Comune di Tartano (foto Ocierre)

Un anno e dieci mesi di reclusione per peculato. È questa la condanna inflitta in primo grado a Oscar Barbetta, 67enne sindaco di Tartano, per essersi appropriato di denaro e rimborsi spese di missione e di viaggio senza averne diritto.

Secondo le indagini sarebbe emerso che Barbetta in più occasioni avrebbe chiesto il rimborso comunale con ricevute non corrispondenti alle “missioni” comunali di carburante, ricambi d’auto ed elementi di ottica. Le indagini hanno evidenziato come sia stato lo stesso Barbetta ad autoliquidarsi il dovuto firmando da sé le determine.

Per gli altri due capi d’accusa, truffa aggravata nei confronti del datore di lavoro (Regione Lombardia) e falso, Barbetta è stato assolto anche se interdetto dai pubblici uffici sempre per un anno e dieci mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È molto probabile che il primo cittadino della valle orobica possa ricorrere in appello per ribaltare la prima sentenza. Certo è che a Tartano vi sia incertezza e rabbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Berbenno, 42enne stroncato da malore a Prato Maslino

  • Uomo trovato senza vita sul sentiero della Val Codera

  • Si tuffa da due metri dove l'acqua è poco profonda, attimi di panico a Sondrio

  • Sondrio, dopo 58 anni chiude l'asilo dei Salesiani: la preoccupazione per le 73 famiglie iscritte

  • Tre gemelli di Albosaggia da record alla maturità, il riconoscimento del dirigente scolastico

  • È il piccolo Gabriele il simbolo della ripartenza del Morelli dopo l'emergenza covid

Torna su
SondrioToday è in caricamento