Sale l'acqua nell'Adda, pescatore soccorso sull'isolotto dai Vigili del Fuoco

Il recupero nel tardo pomeriggio del Primo maggio tra Bianzone e Tresenda. Non è la prima volta che capita

Si era spinto fino ad un isolotto in mezzo all'Adda, nel tratto fluviale compreso tra Bianzone e Tresenda, quando, accorgendosi dell'innalzamento dell'acqua è stato costretto a chiamare aiuto. È capitato ad un pescatore del tiranese nel tardo pomeriggio di mercoledì 1 maggio 2019.

L'uomo aveva sfruttato la bella giornata per andare a pescare e, complice l'acqua bassa, si era spinto fino ad un lembo di terra posto al centro del fiume Adda. Come spesso capita, specie in orario serale quando avviene il rilascio dell'acqua da parte degli impianti idroelettrici più a monte, il livello si è alzato a tal punto da non permettere più al pescatore di tornare a riva in sicurezza.

Sul luogo,  attorno alle ore 20, sono giunti i Vigili del Fuoco di Tirano e di Sondrio i quali, con l'ausilio di un gommone, hanno tratto in salvo l'uomo. Non è la prima volta che chiamate d'aiuto di questo tipo raggiungo le centrali del soccorso provinciale.

Potrebbe interessarti

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Che partenza la stagione dei funghi in Valtellina

  • Sondrio, quanto affetto per Nicola Giugni

  • Temporali forti sulla provincia di Sondrio: c'è l'allerta

I più letti della settimana

  • Sondrio in lutto, è morto l'avvocato Nicola Giugni

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Valfurva senza pace: dal Ruinon un enorme masso sulla strada, viabilità interrotta

  • Che partenza la stagione dei funghi in Valtellina

  • Sabato 17 agosto l'ultimo saluto a Nicola Giugni

  • La frana del Ruinon ha raggiunto livelli di spostamento record? Per gli operatori va fatto brillare il versante

Torna su
SondrioToday è in caricamento