Non ci sono responsabili per la morte di Mattia Mingarelli, chiesta l'archiviazione delle indagini

Il 30enne comasco aveva perso la vita in Valmalenco il 7 dicembre 2018

Non vi sono responsabili per la morte di Mattia Mingarelli, il 30enne agente di commercio di Albavilla (Como) scomparso nei boschi della località Barchi, nel territorio comunale di Chiesa in Valmalenco, il 7 dicembre 2018 e ritrovato senza vita la vigilia di Natale a poche centinaia di metri dopo due settimane di indagini e ricerche serrate.

Dopo un anno e mezzo di indagini il procuratore di Sondrio, Claudio Gittardi, ha chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto contro ignoti per omicidio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già l'esame autoptico, eseguito dal dottor Paolo Tricomi di Lecco, su incarico del sostituto procuratore Antonio Cristillo, titolare dell'inchiesta, nei giorni successivi al ritrovamento del cadavere, non aveva trovato nessun elemento che facesse pensare ad un evento violento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in Valmalenco, escursionista precipita e muore

  • Operazione delle Forze dell'Ordine in Bassa Valle, malvivente muore durante l'inseguimento

  • Morto improvvisamente lo psichiatra Giuseppe Zecca

  • Si tuffa da due metri dove l'acqua è poco profonda, attimi di panico a Sondrio

  • Un decesso ed un nuovo caso di positività al coronavirus in Provincia di Sondrio

  • Elicottero in avaria effettua atterraggio d'emergenza, paura a Colico

Torna su
SondrioToday è in caricamento