Scontro a Piateda: auto si ribalta all'ingresso del supermercato

Senza gravi conseguenze l'incidente avvenuto sulla ss 38 tra una Volkswagen e una Fiat. Ad avere la peggio una donna di Ponte in Valtellina, dimessa dall'ospedale con 15 giorni di prognosi

Immagine d'archivio

Un grosso spavento, senza per fortuna gravi conseguenze, si è dimostrato l’incidente autostradale che ha visto coinvolti stamani una Volkswagen ed una Fiat lungo la strada statale 38, all’altezza del supermercato MD, nel territorio comunale di Piateda.

Attorno alle ore 11, infatti, l’auto tedesca condotta da un sondriese di 38 anni, si è scontrata con una Panda guidata da una donna di Ponte in Valtellina (73 anni) facendola cappottare sul ciglio della strada, non lontano dall'ingresso del supermercato. Grosso lo spavento per i diversi testimoni dell’accaduto.

Stando alle prime ricostruzioni sembra che entrambe le auto si dirigessero al parcheggio del negozio e che, per una distrazione dell’uomo, le auto si siano scontrate provocando il ribaltamento dell’auto più piccola. Ad avere la peggio, quindi, la signora, seppur senza gravi conseguenze, estratta dal proprio veicolo e trasportata prontamente all’ospedale di Sondrio dove veniva ricoverata in codice verde e rimandata a casa con una prognosi di 15 giorni per le contusioni rimediate.

Le reali dinamiche sono ancora da delineare. I Carabinieri del Comando di Ponte in Valtellina, subito accorsi sul luogo dell’incidente, stanno in queste ore acquisendo le immagini delle telecamere di sicurezza del supermercato per il proseguo delle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

  • Qualità della vita, Sondrio terza in Italia e prima in Lombardia

Torna su
SondrioToday è in caricamento