Incidente mortale sulla Trivulzia, condannato a quattro anni di reclusione

Il giocane di Piuro aveva un tasso di alcol il doppio di quello consentito per legge, aveva assunto droghe e viaggiava a 125 chilometri orari dove vige il limite di 90 all’ora quando causò il terribile incidente stradale

È stato condannato in rito abbreviato dal giudice Pietro Della Pona a quattro anni di reclusione il giovane, oggi 26enne, di Piuro che nella notte tra il 30 marzo e il primo aprile 2017 causò l'incidente che costò la vita a Federico Cerletti, di Mese, aveva solo 23 anni, e dell’amica Francesca Geronimi, 19 anni appena, di San Giacomo Filippo.

Quella notte Davide Griggi aveva un tasso di alcol il doppio di quello consentito per legge, aveva assunto droghe e viaggiava a 125 chilometri orari dove vige il limite di 90 all’ora quando causò il terribile incidente stradale, lungo la provinciale Trivulzia. La loro auto, una Toyota Yaris, che procedeva regolarmente in direzione di Chiavenna, si era scontrata frontalmente con il Bmw X3.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Valchiavenna, Della Bitta: «Raccomando calma e responsabilità»

  • Frontale sulla Valeriana: grave un ragazzo

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: ora sono 27. Morta una donna

  • Di nascosto vendeva superalcolici a giovanissimi: denunciato barista del centro di Morbegno

  • Ubriachezza, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale: richiesto il rimpatrio di tre giovani nel Morbegnese

  • Coronavirus, i casi salgono a sei: gravissimo un 38enne, si teme un focolaio

Torna su
SondrioToday è in caricamento