Venerdì 4 ottobre i funerali di Matteo e Maria Grazia, Ardenno proclama il lutto cittadino

Le esequie nella chiesa parrocchiale. A mezzogiorno verrà osservato un minuto di silenzio in ricordo dei defunti

Si terranno venerdì 4 ottobre 2019, alle ore 15.30, presso la chiesa parrocchiale di San Lorenzo ad Ardenno, le esequie di Maria Grazia Pomoli, insegnante 56enne di religione, morta insieme al figlio 15enne, Matteo Dei Cas, dopo esser stati colpiti da quintali di assi di legno, perse dal rimorchio di un tir in movimento sulla statale 38, mentre si trovavano a bordo della loro Skoda Fabia

Una tragedia familiare che ha lasciato interdetta l’intera comunità ardennese, oltre quella valtellinese, colpita nel profondo dalla fatalità di una morte tanto precoce quanto crudele. 

Pertanto il sindaco di Ardenno, Laura Bonat, “interpretando il sentimento di profondo dolore dell’intera Comunità di Ardenno e unendosi alla sofferenza della famiglia di Maria Grazia Pomoli e Matteo Dei Cas”, ha proclamato per la giornata delle esequie il lutto cittadino.

Una giornata di lutto dove le bandiere di edifici pubblici e scolastici saranno a mezz'asta. Allo scoccare del mezzogiorno attività commerciali, uffici pubblici ed istituzioni scolastiche osserveranno un minuto di silenzio in ricordo dei defunti. Un abbraccio comunitario al marito e padre Enrico Dei Cas, conosciuto sindacalista della Cisl, all'altro figlio della coppia, il primogenito ventenne, Francesco, e a tutta la loro famiglia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Livigno: nasconde 84 litri di superalcolici nel camper ma viene fermato alla dogana in Valposchiavo

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Quanto costa la droga in Valtellina?

  • Morbegno in cantina: vigile sale su auto in corsa per fermare un ubriaco entrato nella "zona rossa"

  • Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

  • Ruinon, buone notizie per la Valfurva: lunedì iniziano i lavori per il ripristino della strada provinciale

Torna su
SondrioToday è in caricamento