Frana sopra Villa di Chiavenna, le reti paramassi del 1987 hanno protetto le case

Le migliorate condizioni meteorologiche dovrebbero far rientrare l'allerta in giornata

L'area coinvolta dallo smottamento (Foto di Silvana Snider)

Dovrebbe tornare alla normalità la situazione a Villa di Chiavenna dopo che nella giornata di lunedì 12 agosto 2019 vi sono verificati tre smottamenti sui versanti di Motta di Calestro, meglio conosciuta (non a caso) come “Motta Marcia”.

Il primo smottamento si era verificato attorno alle ore 5,30 per poi ripetersi verso le ore 10 e poco dopo mezzogiorno e mezza. Per precauzione una quindicina di persone, abitanti in sei case della zona coinvolta dai movimenti franosi, sono state fatte evacuare.

Sul posto i Vigili del fuoco, il sindaco, i tecnici comunali oltre ai geologi ed i responsabili della Protezione Civile e della Comunità Montana hanno fatto un primo sopralluogo che poi ha portato alla decisione di evacuare i residenti.

Il materiale caduto non ha comunque raggiunto le abitazioni. Stando alle prime ricostruzioni sono state le reti di protezione realizzate dopo l’alluvione del 1987 a contenere i detriti.

Il miglioramento

Il netto miglioramento della condizioni meteorologiche di martedì 13 agosto 2019 dovrebbe far rientrare l'allarme, in attesa che si possa constatare con precisione la quantità di materiale franato al fine di poter valutare nuovi interventi sul versante di messa in sicurezza.

Potrebbe interessarti

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • Che partenza la stagione dei funghi in Valtellina

  • Sondrio, quanto affetto per Nicola Giugni

  • Temporali forti sulla provincia di Sondrio: c'è l'allerta

I più letti della settimana

  • Valfurva senza pace: dal Ruinon un enorme masso sulla strada, viabilità interrotta

  • Vipere: come riconoscerle e cosa fare in caso di morso

  • La frana del Ruinon ha raggiunto livelli di spostamento record? Per gli operatori va fatto brillare il versante

  • Sabato 17 agosto l'ultimo saluto a Nicola Giugni

  • Sondrio, quanto affetto per Nicola Giugni

  • Temporali forti sulla provincia di Sondrio: c'è l'allerta

Torna su
SondrioToday è in caricamento