Coltivava droga in casa: arrestata dai Carabinieri un'intera famiglia

Nei guai non solo il 42enne inizialmente indagato ma anche i suoi genitori e la sua fidanzata

Era il 21 agosto scorso quando, dopo aver ottenuto dalla locale Autorità Giudiziaria. un decreto di perquisizione, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sondrio,  hanno bussato alla porta dell’abitazione di una famiglia dell’hinterland sondriese ed hanno proceduto alla perquisizione delegata che ha portato all’arresto di un intero nucleo familiare.

Nel corso del controllo i militari hanno ritrovato 50 grammi di marijuana e 37 gr di hashish, 33 piante di marijuana, posizionate in vari ambienti della casa, la cui inflorescenza doveva ancora essere raccolta.

La ricca vegetazione era ben curata con concimi vari, lampade e tutto quello che potesse consentire una rigogliosa fioritura. Alcune piante erano state sistemate in una serra “indoor” in garage, altre in un angolo di un balcone di casa, in modo che potessero assorbire luce solare ma non fossero troppo esposte agli sguardi dei vicini, ed altre ancora in una stanza della mansarda a loro dedicata dove, grazie ad un lucernario aperto, godevano di aria e luce.

famiglia droga 1-2

I Carabinieri hanno anche rinvenuto un barattolo in vetro contenente un distillato di marijuana che costituisce la base per la realizzazione di hashish “fai da te”. Il controllo, che in un primo momento sembrava essere destinato esclusivamente ad un 42enne, ha visto coinvolti gli altri inquilini della casa ovvero i genitori dell’uomo e la sua fidanzata, una cittadina cinese 40enne.

Il rinvenimento delle piante in diversi locali dell’appartamento e le strutture per la crescita delle piante (luci, fertilizzanti, aeratori ecc ) ha determinato delle evidenti responsabilità a carico di tutto il nucleo familiare.

famiglia droga 2-2

Per tutti è quindi scattato l’arresto in flagranza per coltivazione, produzione e detenzione sostanze stupefacenti; dopo aver informato dell’arresto il Sostituto Procuratore della Repubblica di Sondrio, dott.ssa Elvira Antonelli, ed espletate le formalità di rito, il 42enne è stato tradotto presso il carcere di Sondrio mentre per le altre persone coinvolte sono stati disposti gli arresti domiciliari.

La cittadina straniera è stata inoltre denunciata per inottemperanza al decreto di espulsione in quanto irregolare sul territorio italiano. Nella mattinata di venerdì 23 agosto il Giudice per le Indagini Preliminari di Sondrio ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora per il 42enne nella sua residenza bergamasca e l’obbligo di
presentazione alla polizia giudiziaria per la compagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo spettacolo della neve in Valtellina

  • Livigno, troppa neve sul Passo del Foscagno: chiuso per 4 ore per motivi di sicurezza

  • Compra banconote sbiancate credendo siano vere, truffato ristoratore di Bianzone

  • La neve continua a scendere a Livigno, Passo della Forcola chiuso definitivamente per l'inverno

  • In Valtellina i carabinieri antiterrorismo

  • Camion con cronotachigrafo manomesso: denunciati tre valtellinesi

Torna su
SondrioToday è in caricamento